Dedovic (LaPresse)
Dedovic (LaPresse)

Monaco di Baviera (Germania), 11 gennaio 2019 – L’Eurolega si rivela ancora una volta un terreno minato per l’Armani AX Milano che all’Audi Dome di Monaco di Baviera è stata sconfitta 93-87 dal Bayern padrone di casa e ha rimediato il secondo ko settimanale lontano dai confini della Serie A. Un passo falso che a fine stagione potrebbe costare molto caro ai meneghini che ora sono sotto 2-0 negli scontri diretti con il Bayer e inoltre sono stati scalzati dall’ottava posizione in graduatoria. A condannare l’Olimpia alla decima sconfitta stagionale in Europa è stata la strepitosa prestazione balistica dei bavaresi che – trascinati dai 18 punti a testa di Nihad Dedovic e Maodo Lo e dai 28 del tandem composto da Stefan Jovic e Petteri Koponen – hanno tirato con il 52.8% da due e con uno strabiliante 66.7% da tre (12/18 finale). A Milano, ancora priva di Kaleb Tarczewski e Nemanja Nedovic, non sono invece bastati i 29 punti di Mike James e la doppia doppia di Arturas Gudaitis (18 punti e 10 rimbalzi).

Dopo un buon inizio, l’attacco degli ospiti – spinti fino al +6 (16-10) dai canestri di James e Bertans – si è inceppato (quattro errori consecutivi dall’arco) e il Bayern ha preso il sopravvento colpendo gli avversari proprio con i tiri dall’arco di Maodo Lo che ha dato un importante contributo ai bavaresi per piazzare il colpo de sorpasso in chiusura di prima frazione (23-22). Un antipasto dell’allungo dei teutonici che nel secondo quarto si sono affidati a Koponen, Wlliams e Dedovic per arrivare fino al +11 a 1’ dall’intervallo lungo (51-40). Un margine di vantaggio scalfito da cinque punti ravvicinati messi a segno prima dalla pausa lunga da Micov e James (53-45). In uscita dagli spogliatoi Bertans ha cercato di ricucire lo strappo ma il Bayern ha tenuto dritta a barra del timone e ha subito ripreso a correre facendo lievitare nuovamente il vantaggio grazie ai canestri di Barthel e Lo che hanno portato al massimo vantaggio tedesco sul 67-52. Ancora una volta a togliere le castagne dal fuoco in casa di Milano è stato Mike James che assieme a Burns ha riportato lo svantaggio biancorosso sotto la doppia cifra al suono della terza sirena (77-68). L’inseguimento dell’Armani è proseguito anche in una quarta frazione in cui il Bayer ha siglato solo 7 punti nei primi 7 minuti. Milano non è però riuscita ad approfittarne e alla fine è caduta sotto gli ultimi colpi sparati da Lo e Dedovic.