L'esultanza dei giocatori del Fenerbahce (Ansa)
L'esultanza dei giocatori del Fenerbahce (Ansa)

Kaunas (Lituania), 25 aprile 2019 – Comincia a delinearsi in maniera un po’ più chiara il tabellone delle prossime Final Four di Eurolega, che si giocheranno alla Fernando Buesa Arena di Vitoria dal 17 al 19 maggio: dopo il Real Madrid, infatti, anche il Fenerbahce di Gigi Datome e Nicolò Melli – finalista dello scorso anno proprio assieme agli spagnoli campioni in carica – ha staccato un pass per l’ultima fase della competizione dove affronterà la vincente della serie tra Anadolou Efes e Barcellona. Per accedere alle Final Four, la corazzata turca ha dovuto sbarazzarsi di un cliente non facile come lo Zalgiris Kaunas che ha alzato bandiera bianca soltanto questa sera, al termine di una gara 4 vinta dai gialloblu per 99-82, davanti ad una Zalgirio Arena che ha salutato i suoi beniamini con una lunga e calorosa standing ovation finale. A trascinare al successo il Fenerbahce, protagonista di una serata balisticamente quasi perfetta (i turchi hanno tirato con il 71% da due e uno stratosferico 68% da tre), è stata una vecchia conoscenza della Serie A come Alì Muhammad, al secolo Bobby Dixon, che ha messo a referto 25 punti con un chirurgico 5/5 da tre e un altrettanto eccellente 4/5 da due.

Gli uomini di Obradovic hanno subito innestato la quinta giocando un primo quarto ai limiti della perfezione, in cui, grazie alle stilettate di Alì, Datome e Sloukas, hanno piazzato un parziale complessivo di 30-16, figlio di un 6/8 da due e di uno strepitoso 6/6 da tre. Scivolato a -14, lo Zalgiris non è crollato e si è aggrappato ai muscoli di Brandon Davies (25 punti) per rialzarsi e imbastire una rimonta che ha trovato il suo apice nel -4 (52-48) siglato proprio dall’ex Varese in uscita dagli spogliatoi. Canestri che hanno fatto infuriare Obradovic e hanno scosso il Fenerbahce che ha avuto una reazione da grande squadra e, grazie a cinque punti consecutivi di Muhammad, ha avviato un controbreak di 7-0 chiuso da Vesely che ha rispedito lo Zalgiris a -11 (59-48). Melli, Green e Sloukas hanno fatto il resto facendo salire poco dopo l’asticella del vantaggio gialloblu fino al +15 (72-57). Un cuscinetto di sicurezza che ha fatto sciogliere le briglie al Fenerbahce che ha ripreso a correre toccando il +20 a seguito delle triple di Guduric a meta quarto quarto (84-64) e facendo partire anzitempo i titoli di coda del match.