Barcellona (Spagna), 25 marzo 2020 – Nonostante il parere contrario di una crescente quantità di giocatori – non ultimo quello dell’ex Olimpia Milano Mike James che non più tardi di ieri ha detto di considerare conclusa la stagione europea per i tempi stretti rimasti per ripartire – Euroleague punta fortemente a terminare le stagioni di Eurolega ed Eurocup. Lo ha ammesso proprio oggi l’organizzazione presieduta dallo spagnolo Jordi Bertomeu al termine di una riunione del board esecutivo: “Le competizioni riprenderanno non appena ci saranno le giuste condizioni di sicurezza e sanitarie e seguendo le direttive dei governi e delle autorità competenti” si legge nella nota di Euroleague.

Euroleague, che non ha escluso la possibilità di un taglio dei salari (da concordare con l’associazione degli allenatori e dei giocatori) durante il periodo di sospensione delle competizioni, ha poi sottolineato tra i punti messi in luce nel comunicato diramato anche la volontà di chiudere la stagione con gli attuali format pur non escludendo variazioni in caso di necessità: “E’ prioritario – sostiene ECA – terminare la stagione con gli attuali format che prevedono le restanti partite di regular season, i playoff e le Final Four. Ovviamente questo potrà comportare una compressione del calendario ma non escludiamo anche possibili scenari alternativi che teniamo monitorati in caso di necessità”.