Marco Belinelli (FotoSchicchi)
Marco Belinelli (FotoSchicchi)

 

Bologna, 22 dicembre 2021 – Sarà un Natale amaro per la Virtus Segafredo Bologna battuta 100-80 nell’ottava giornata di Eurocup dal Gran Canaria che sorpassa in graduatoria proprio i felsinei i quali, presentatisi senza Cordinier, Mannion, Hervey, Abass, Udoh e Sampson (caviglia ancora dolorante), scivolano al terzo posto del gruppo B. Le Vu Nere partono col piede giusto (2-10) spinti da Weems e Teodosic prima dell’aggancio degli iberici che provano la spallata nella seconda frazione con la bomba di Salvo (37-29). Bologna non molla la presa e prima si riavvicina con Teodosic (44-43) salvo poi rimettere il naso avanti al rientro dagli spogliatoi con due triple di Belinelli (62-65). Gli isolani si riprendono dal colpo e replicano con un break di 12-3 a cavallo delle ultime due frazioni.

La Virtus fatica a reagire e dall’altra parte Stevic regala il + 10 (80-70). La forbice si allargherà punendo severamente una Virtus che c’ha provato ma che nell’arco dei quaranta minuti di gioco è venuta meno anche a causa delle numerose assenze. Resta, invece, in fondo alla classifica del girone A la Dolomiti Energia Trentino che non riesce a dare continuità al blitz esterno di domenica pomeriggio a Napoli cedendo alla BLM Group Arena all’Hamburg Towers per 90-99 che si aggiudica uno scontro diretto portando a due i successi di vantaggio proprio dai bianconeri cui non bastano i 19 punti di Diego Flaccadori. Nelle fila tedesche si conferma macchina da canestri Caleb Homesley con 27 punti conditi da cinque triple. Trento resta così ferma ancora ad un solo squillo ed ha di che rimpiangere dopo aver recuperato una gara in salita ed aver dilapidato nel quarto periodo quanto di buono fatto nella frazione precedente a causa di una serie di palle perse e col solo Bradford a metterci una toppa.

 

Champions dolceamara: bene Treviso, cade Brindisi ed è eliminata


Nell’ultimo turno della regular season della Basketball Champions League successo per la Nutribullet Treviso che blinda il secondo posto nel girone D imponendosi per 81-69 sull’Aek Atene già eliminato. I veneti saranno chiamati a disputare il “play-in” contro il Lavrio in virtù della contemporanea affermazione del Falco contro il Vef Riga. Nel match del PalaVerde cinque gli uomini in doppia cifra per il team di casa con in evidenza Russell autore di 17 punti ed 8 assist smazzati. Nel raggruppamento G sconfitta ed eliminazione per la Happy Casa Brindisi che lotta per gli interi quaranta minuti sul parquet degli israeliani dell’Hapoel Holon ma non basta ad evitare l’addio alla kermesse europea. Maturato col finale di 84-80 I pugliesi sono protagonisti di una gara a strappi contro gli uomini allenati da Maurizio Buscaglia che partono bene (30-16 al 10’) salvo poi subire il rientro avversario ma riuscire poi a rimettere il naso avanti nonostante il forcing di Perkins e soci bravi a recuperare dodici punti di svantaggio nell’ultima frazione (79-67). A decidere è una tripla di tabella dell’ex Maccabi Pnini.

Leggi anche - Basket, coppe europee: Venezia fa l'impresa a Patrasso. Sassari battuta da Tenerife