Marco Belinelli (Fotoschicchi)
Marco Belinelli (Fotoschicchi)

Bologna, 20 ottobre 2021 – La Virtus Segafredo Bologna sembra un rullo compressore anche in Europa: dopo aver centrato il poker di successi in campionato contro Trieste, la compagine bianconera – pur essendo priva di Mannion e Teodosic – si è imposta anche all’esordio in Eurocup battendo a domicilio il Bursaspor 101-83. Ennesima prova corale di grandissimo spessore per i bianconeri che hanno mandato ben sette uomini in doppia cifra, guidati da Kevin Hervey, autore di 18 punti, 6 rimbalzi e 4 assist. I bianconeri sono partiti in quarta, facendo girare il pallone alla perfezione e trovando tiri puliti come testimoniato dalle alte percentuali al tiro (82% da due) e dal +10 di fine primo quarto. Il copione è rimasto invariato fino al +18 toccato sul 24-42. Sul più bello, però, è arrivata la reazione dei turchi che, con i canestri di Freeman e Bitim, sono riusciti a rientrare a -6 (48-54) prima della bomba di Hervey allo scadere di fine primo tempo. Un canestro che ha dato grande fiducia ai felsinei che nel secondo tempo hanno ripreso a macinare gioco e punti, conducendo in porto il successo.
 

Bene anche Venezia. Reggio KO in FIBA Europe Cup



Esordio vincente in Eurocup anche per l’Umana Reyer Venezia che ha sbancato Bourg battendo i padroni di casa 73-62. Gli orogranata – orfani di Echodas – sono stati protagonisti di una grande prova difensiva, testimoniata dal solo 41% da due e dal 28.6% da tre messo a segno dai francesi. In attacco, invece, gli orogranata hanno ricevuto un eccellente contributo da Mitchell Watt (16 punti e 11 rimbalzi), Stefano Tonut (14 punti) e Austin Daye (13 punti). Dopo aver chiuso a +8 il primo tempo, Venezia ha provato a dare la spallata decisiva allungando a +16, ma Bourg ha avuto la forza di resistere ed è rientrata a -8 a 7’ dalla fine. A quel punto, però, la rimonta transalpina si è fermata e Venezia ha allungato le mani sulla vittoria. Infine, in FIBA Europe Cup è arrivata la caduta della Unahotels Reggio Emilia, piegata 91-84 dall’Avtodor Saratov. Protagonista del successo dei russi, capaci di dare il colpo di reni nel quarto quarto, l’ex Brescia Kenny Chery con 21 punti.