Emanuele Molin (Ciamillo)
Emanuele Molin (Ciamillo)

Krasnodar (Russia), 10 marzo 2021 – Si chiudono con una sconfitta le top 16 di Eurocup della Dolomiti Energia Trento, che non ha saputo ripetere l'impresa compiuta in campionato con Milano ed è stata battuta 100-86 in casa del Lokomotiv Kuban Krasnodar e ora è in attesa del risultato tra Partizan e Metropolitans per capire se riuscirà ad accedere alla fase ad eliminazione diretta della competizione. Sul successo del Lokomotiv Kuban c’è la forte impronta di due vecchie conoscenze della Serie A, gli ex Olimpia Milano Mantas Kalnietis (21 punti e 10 assist) e Mindaugas Kuzminskas, autore di 26 punti e 9 rimbalzi. Alla Dolomiti Energia, che ha subito un’importante spallata già nel primo tempo, chiuso a -16, non sono invece bastati i 27 punti e 10 rimbalzi di Jacorey Williams e i 22 punti con 5/6 da tre di Victor Sanders.

La gara

Al buon avvio di Trento, arrivata fino al +6 certificato dal canestro di Williams (9-15), Kuban ha risposto con un break di 18-5, ispirato dalle giocate di Kuzminskas e Cummings – autore anche di tre liberi a tempo scaduto – per il 27-20 al suono della prima sirena. La squadra russa non si è però fermata e, spinta da Kalnietis ha continuato a correre toccando il suo apice sul 52-33 prima di chiudere la metà di gara iniziale sul 54-38. Nella ripresa i bianconeri hanno provato a rialzare la testa piazzando un 9-0 di parziale ma non è bastato perché non sono riusciti a spingersi oltre il -8 raggiunto sul 74-66. Krasnodar ha così potuto chiudere in scioltezza oltrepassando le 12 lunghezze di vantaggio finale, soglia che se non raggiunta avrebbe aiutato i bianconeri.

Leggi anche - Champions, Juventus eliminata: non basta 3-2 al Porto