Adam Josh in azione (Ciamillo)
Adam Josh in azione (Ciamillo)

Bologna, 22 dicembre 2020 – Riscatto immediato, dopo il ko interno con Pesaro in campionato, per la Happy Casa Brindisi che in Basketball Champions League FIBA coglie un importante successo sconfiggendo in casa 93-81 i belgi di Ostenda. Sulla vittoria della compagine salentina c’è la firma in calce di un sontuoso D’Angelo Harrison che ha portato a casa la bellezza di 35 punti con 6/12 nel tiro da tre punti, 7 rimbalzi, 5 falli subiti e 3 assist per un complessivo 33 di valutazione. In doppia cifra tra i biancoblu anche Nick Perkins (14 punti e 7 rimbalzi), Darius Thompson (12 punti e 5 rimbalzi) e Alessandro Zanelli (10 punti). Che per Harrison potesse essere una serata da incorniciare lo si è intuito già nel primo quarto in cui l’americano ha piazzato ben 16 punti. Ostenda è stata così costretta sin da subito ad inseguire ma, grazie soprattutto a Olivier Troisfontaines (23 punti), è rimasta in scia, almeno fino all’alba della quarta frazione quando i canestri di Zanelli, Thompson e Bell hanno ispirato un 10 che ha definitivamente fatto spiccare il volo all’Happy Casa Brindisi

Josh Adams trascina la Virtus Bologna

Promossa a pieni voti anche la Virtus Segafredo Bologna che, dopo aver sconfitto in campionato Treviso, ha concluso la fase a gironi dell’Eurocup con la casella sconfitte intonsa: nel recupero dell’ottavo turno, infatti, i bianconeri hanno superato 92-81 il Morabanc Andorra, ottenendo il decimo successo in altrettanti incontri disputati. Mattatore indiscusso del match della Segafredo Arena è stato Josh Adams, autore di ben 33 punti con un impressionante 10/12 da oltre l’arco dei tre punti; 18 invece i punti per un Kyle Weems praticamente perfetto in area (8/10 da due). I bianconeri hanno ribaltato l’iniziale svantaggio con un break di 14-2 e poi hanno via via aumentato il loro vantaggio rispondendo colpo su colpo agli iberici, ai quali non sono bastati i 21 punti di David Jelinek.

Leggi anche - Juventus-Fiorentina 0-3, straordinaria Viola. Che disfatta per i bianconeri

MATTEO AIROLDI