Bologna, 16 novembre 2021 – Il piatto forte del martedì delle coppe europee di basket era senza dubbio il derby italiano di Eurocup tra Virtus Segafredo Bologna e l’Umana Reyer Venezia: a imporsi, nel match che ha segnato il ritorno alla Segafredo Arena, sono stati i felsinei che hanno piegato i lagunari 90-84, riscattando il ko di una settimana fa contro Valencia. A mettere la firma sul successo bianconero, arrivato al culmine di una gara ricca di emozioni, ci hanno pensato un sontuoso Milos Teodosic, glaciale nel finale e autore di 22 punti e 7 assist (11/12 in lunetta per lui) e Kevin Hervey che si è spinto fino a quota 26 punti. Proprio l’ala americana, assieme a Cordinier è stata protagonista del primo allungo della Virtus, capace di chiudere a +9 il primo quarto (24-15). Venezia è però riuscita a reggere l’urto e ad azzerare il gap impattando a quota 29 prima di subire un'altra spallata: un 7-0 tutto firmato da Teodosic che poi dalla linea della carità ha anche suggellato la doppia cifra di vantaggio di Bologna (45-35). Rientrata in spogliatoio a +8, la “Vu nera” all’alba del terzo quarto ha di nuovo messo la quarta grazie alla difesa a zona “match up” e alle stilettate di Weems, ispiratori del +14 a 2 bianconero valso il 59-39, massimo scarto della serata. Venezia non si è comunque persa d’animo e, aggrappandosi a Michele Vitali, ha iniziato una nuova rimonta che ha portato all’84-81 a 1’39” dalla fine. I lagunari hanno avuto addirittura nelle mani la bomba del pari che Sanders, dopo aver scippato palla a Teodosic, ha però spedito sul ferro. La porta girevole della partita perché dall’altra parte Hervey e Teodosic hanno messo in ghiaccio il risultato.
 

Brindisi si impone sul Darussafaka in Champions League

In Basketball Champions League FIBA è arrivata invece la prima vittoria della Happy Casa Brindisi che al PalaPentassuglia ha superato 82-73 i turchi del Darussafaka. Un successo arrivato nel segno di Josh Perkins che ha trascinato l’attacco salentino con i suoi 16 punti, 6 assist e 3 palloni recuperati ma soprattutto diverse giocate preziose nei secondi finali. In doppia cifra anche Nathan Adrian (15 punti e 6/8 al tiro) e Nick Perkins che ha chiuso a quota 13 punti e 8 rimbalzi. I biancoblu sono partiti forte raggiungendo il +9 nelle prime battute del secondo quarto (28-19). Ben presto è però arrivata la reazione dei turchi che, trascinati Nathan Boothe e Wayne McCullough (migliore dei suoi con 22 punti), hanno piazzato un 10-0 e poi sono riusciti a rientrare negli spogliatoi a +2. Dopo la pausa lunga Brindisi ha ripreso a macinare punti e gioco e, sospinta dai guizzi di Josh Perkins e Nathan Adrian, ha messo a segno un parziale complessivo di 20-8 valso il +10 esterno a 10 dalla fine (61-51). Il Darussafaka è comunque riuscito a restare aggrappato al match rientrando addirittura a -4 a 1’45” dalla quarta sirena approfittando di qualche sbavatura di troppo brindisina, ma gli ultimi canestri di un tarantolato Josh Perkins hanno ricacciato indietro gli ospiti e permesso a Brindisi di mettere le mani sulla vittoria.

Leggi anche - Basket, qualificazioni Mondiali 2023: i convocati dell'Italia per la finestra di novembre