Umana Reyer Venezia (Ciamillo)
Umana Reyer Venezia (Ciamillo)

Venezia, 9 novembre 2021 – L’Umana Reyer Venezia, dopo aver rialzato la testa in campionato, trova il secondo sigillo stagionale anche in Eurocup, portando a casa il prezioso scalpo del Buducnost, primo della classe nel girone B e sconfitto al Taliercio 72-67. Una vittoria figlia della grande solidità mostrata dagli orogranata che hanno dato il loro meglio nella metà campo difensiva, concedendo soltanto 67 punti a una squadra che ne segnava 10 di più in media. Anche in attacco, però, l’orologio della Reyer ha girato molto bene nonostante le percentuali deficitarie da oltre l’arco, trovando in uno straripante Mitchell Watt la giusta punta di diamante (25 punti con 11/14 al tiro). Dopo aver chiuso la seconda frazione a -7 (33-40), la Reyer è via via salita di tono impattando sul 54-54 all’alba del quarto quarto e piazzando poi la zampata vincente grazie ai canestri di Watt, Brooks e Stone.

Trento ancora ko

Sempre in Eurocup, resta invece fanalino di coda del Gruppo A la Dolomiti Energia Trento che ha incassato il quarto ko in altrettante gare europee perdendo 93-80 in casa del Metropolitans Levallois che ha mandato ben sei uomini in doppia cifra, tra i quali anche l’ex Virtus Bologna Vince Hunter che ha chiuso in doppia doppia (11 punti e 13 rimbalzi). La differenza la compagine parigina l’ha fatta nella terza porzione dell’incontro, quando sono saliti in cattedra l’ex di serata Will Cummings (17 punti e 8 rimbalzi) e Jordan McRae che a suon di canestri hanno ispirato il break di 23-13 capace di creare un gap di nove lunghezze che Trento, nonostante le ottime prove di Jonathan Williams (16 punti e 8 rimbalzi), e Cameron Reynolds (18 punti), non ha saputo colmare.

Leggi anche - Basket, Champions League: Sassari rialza la testa e piega Ludwigsburg