Milos Teodosic e Sasha Djordjevic (FOTOSCHICCHI)
Milos Teodosic e Sasha Djordjevic (FOTOSCHICCHI)

Bologna, 7 aprile 2020 – Game Over. Calano i titoli di coda definitivi anche sui campionati di basket di Serie A e A2 che si concludono così senza vincitori né vinti, senza assegnazione di titoli ma anche di retrocessioni. A mettere la parola fine su questa stagione con quasi due mesi di anticipo e a causa della grave epidemia di Coronavirus è stata la Federazione Italiana Pallacanestro, al termine di una giornata cominciata con un confronto in video conferenza tra i presidenti di FIP e Legabasket, Gianni Petrucci e Umberto Gandini, e il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora.

Un vertice in cui massimi organi della pallacanestro italiana hanno chiesto al Governo interventi a sostegno del movimento e nel quale sono però state presumibilmente trattate anche le problematiche che poi hanno portato alla chiusura anticipata dei campionati. Tra queste ci sono ovviamente l’impossibilità di riprendere in tempi ragionevoli l’attività (la Serie A aveva espresso la volontà di chiudere entro e non oltre il 30 giugno) ma anche la difficoltà di riaprire i battenti consentendo al pubblico – uno dei maggiori introiti nella palla a spicchi – di assistere alle gare. Ad incidere sulla chiusura anticipata della Serie A sono state anche le tante partenze verso i paesi di origine di giocatori stranieri. Vinte insomma anche le ultime resistenze di Virtus e Fortitudo Bologna che fino all'ultimo avevano provato a tenere in vita la stagione, ora quindi la pallacanestro può concentrarsi da subito sulla programmazione della prossima stagione sperando che al più presto venga risolta l’emergenza Coronavirus.

FOCUS Il link per il download della app AutoCert19 per chi possiede un dispositivo mobile Apple: https://onelink.to/autocert19