Sconfitta per l'Umana Reyer contro Badalona (Ciamillo)
Sconfitta per l'Umana Reyer contro Badalona (Ciamillo)

Bologna, 8 dicembre 2020 – E’ di una sola vittoria e ben tre sconfitte il bilancio delle italiane impegnate nelle coppe europee di basket in questo martedì. A gioire è stata l’Armani AX Milano che nel primo dei due impegni settimanali di Eurolega ha subito dimenticato il ko patito contro il Panathinaikos e nel recupero dell’ottavo turno ha sbancato Mosca battendo il Khimki 102-93. Un successo su cui c’è la firma di Shavon Shields, capace di chiudere una serata pressoché perfetta con 26 punti e uno strepitoso 10/11 dal campo. In doppia cifra tra i meneghini anche Zach LeDay (18 punti), Kevin Punter (15 punti) e Malcolm Delaney (16), espulso però nel finale. Tra primo e secondo quarto i biancorossi, trascinati da Shields e Hines hanno provato l’allungo arrivando fino al +12, ma il Khimki, aiutato dall’ex Biella Jonas Jerebko (20 punti e 7 rimbalzi), Erick McCollum (18 punti) e da Alexey Shved (13) non ha mai mollato totalmente la presa e sul finire del terzo quarto si è riportato a -4 (68-72). La risposta di Milano è arrivata con i canestri di Shields e le triple di Roll, ma neanche il +11 a 3’16 dalla fine ha messo l’Olimpia al riparo dall’ultimo assalto gialloblu firmato da Shved e Mickey (88-93). A togliere dal fuoco le castagne dal fuoco ci hanno quindi pensato Kevin Punter con un gioco da quattro punti e Delaney, poi espulso per doppia penalità, e Shields.

Cadono Venezia e Fortitudo

Il grande cuore di un’Umana Reyer Venezia ancora decisamente rimaneggiata – out Watt, Tonut, Cerella e Mazzola mentre Bramos e Vidmar erano a mezzo servizio – ad evitare il ko in Eurocup per 89-75 contro Badalona, trascinata da ben sei giocatori in doppia cifra (l’ex Barcellona Ante Tomic top scorer con 15 punti). A tagliare le gambe ai lagunari un parziale di 17-4 in apertura di secondo quarto. Preso il largo poi (35-50 all’intervallo lungo) agli iberici è bastato gestire il vantaggio per portare a casa i due punti. Già certa delle top 16 di Eurocup, invece, la Dolomiti Energia Trento ha perso 87-65 in casa dell’Olimpia Lubiana che, dopo aver chiuso a +9 il primo tempo (24-14 nel secondo quarto) ha dato un’altra sgasata piazzando un 20-0 tra la fine del terzo e l’inizio del quarto quarto. In Basketball Champions League FIBA, infine, la Fortitudo Lavoropiù Bologna – in attesa dell’esordio in panchina di Luca Dalmonte – non è riuscita a invertire il trend negativo di risultati e ha incassato l’ottava sconfitta di fila perdendo 64-69 in casa contro Bilbao. Senza Cusin e Banks e con Fantinelli a lungo in panchina per un problema al piede, i biancoblu – che hanno pagato a caro prezzo il 4/22 da tre punti – hanno chiuso il primo tempo a +6 (41-35) grazie ad uno strepitoso Ethan Happ (19 punti, 10 rimbalzi e 6 stoppate) ma poi nei successivi 10’ del terzo quarto hanno siglato soltanto 5 punti, subendo un parziale di 17-5 e restando per 5’ a secco di canestri. A -6 a 10’ fine i biancoblu hanno risalito la china fino al controsorpasso a pochi secondi dalla fine. Uno sforzo che non è però bastato perché i canestri finali di Brown e Hakanson hanno spinto i baschi al successo.

Leggi anche - Champions League, Barcellona-Juventus 0-3. Doppietta di Cristiano Ronaldo