Julian Gamble a canestro (Ciamillo)
Julian Gamble a canestro (Ciamillo)

Bologna, 16 dicembre 2020 – Prosegue con una sola vittoria e due sconfitte la settimana delle italiane impegnate nelle coppe europee di basket: in Basketball Champions League FIBA è arrivato in maniera decisamente inattesa il ko della Dinamo Sassari che in casa è stata travolta 71-93 dai danesi del Bakken Bears. Tutto lasciava presagire ben altro esito per gli uomini di Pozzecco – ai quali non sono bastate le ottime prove di Eimantas Bendzius (17 punti) e Jason Burnell (16 punti e 11 rimbalzi), ma dopo un primo quarto chiuso a +10 (29-19) la luce si è spenta e i Bakken Bears hanno preso il sopravvento con un controbreak di 22-8, nato dal dominio sotto i tabelloni (54-40 il computo dei rimbalzi in favore degli ospiti) e da una difesa che ha imbrigliato l’attacco sardo. Taylor Ongwae (16 punti) e l’ex Cagliari e Fortitudo Bologna Deshawn Stephens (15 punti e 12 rimbalzi) hanno fatto il resto e guidato l’attacco danese a questo importante successo.

Eurocup, sorride la Virtus. Cade Trento

In Eurocup, invece, non conosce soste il cammino della Virtus Segafredo Bologna che ha inanellato la nona sinfonia superando senza fatica i Giant Antwerp 92-73: dopo un primo quarto giocato in sostanziale equilibrio è arrivata l’accelerata dei bianconeri che con un parziale di 31-17 sono rientrati negli spogliatoi sul 57-38. Il secondo tempo è diventato così una pura formalità per i bianconeri che, in una serata in cui Teodosic, Gamble e Markovic non hanno brillato, si sono affidati ad Amar Alibegovic (16 punti) e Kyle Weems (14 punti) per portare a casa il risultato. Infine indolore il ko casalingo della Dolomiti Energia Trento, sconfitta 56-67 da Gran Canaria: serata da dimenticare al tiro per i bianconeri (37% da due e 26% da tre) che dopo 10’ erano già a -10 e che poi, nonostante lo sforzo difensivo del terzo quarto (8 soli punti concessi agli iberici), non sono riusciti a ribaltare la situazione.

Leggi anche - Inter-Napoli 1-0, decide Lukaku dal dischetto

MATTEO AIROLDI