Gaines (LaPresse)
Gaines (LaPresse)

Desio, 11 gennaio 2019 - L’Acqua San Bernardo Cantù al PalaDesio batte 83-73 una Sidigas Avellino decisamente rimaneggiata (agli irpini questa sera mancavano Caleb Green, Demetris Nichols, Hamady Ndiaye e Matt Costello) e comincia nel migliore dei modi il girone di ritorno del campionato di Serie A di pallacanestro. Nonostante le pesanti assenze in casa della Scandone, al primo ko dopo cinque successi di fila, la formazione brianzola ha comunque giocato una gara di grande sostanza, facendosi trascinare offensivamente dal tridente composto da Frank Gaines (21 punti), Gerry Blakes (16 punti) e Davon Jefferson (15 punti e 15 rimbalzi) e sfoderando una grande prestazione al tiro (i biancoblu hanno concluso la gara con il 57% da due e il 55.6% da oltre l’arco dei tre punti). Dall’altra parte gli irpini hanno provato a rispondere reggendosi sui guizzi di Keifer Sykes (19 punti) e Ariel Filloy (17 punti) ma alla fine hanno comprensibilmente alzato bandiera bianca.

Gaines ha provato subito a caricarsi sulle spalle l’attacco di una Cantù che nel primo quarto ha trovato con costanza il bersaglio anche quando Avellino, costretta dalle rotazioni ridotte, ha cercato di rifugiarsi nella difesa a zona (19-13 a fine primo quarto) che è riuscita a solo in parte a tenere a freno l‘attacco lombardo. Nella seconda frazione ci ha provato Sykes a scuotere i suoi con 8 punti ravvicinati, ma l’Acqua San Bernardo non ha tentennato e, grazie soprattutto ai tiri pesanti di Bakes e Tassone, è andata negli spogliatoi a +8 (37-29). La forbice de divario, nonostante il canestro del -6 firmato da Young in apertura di secondo tempo, si è ben presto di nuovo allargata fino a toccare le 13 lunghezze a seguito della bomba di Gaines al 22° (44-31). Avellino ha quindi incassato l’ennesimo gancio ma con tenacia si è rialzata facendosi aiutare da uno scatenato Ariel Filloy (11 punti nel quarto) che ha riportato i suoi fino al -6 (54-48). Ai biancoverdi è però mancata la zampata dell’aggancio e così una più fresca Cantù ha nuovamente allungato l’elastico del vantaggio fino a +10 finale.