Brindisi, 15 ottobre 2021 – Nell’insolito anticipo del venerdì del campionato di Serie A di basket, l’Happy Casa Brindisi – nonostante le assenze dell’ultimo minuto di Chappell e Gaspardo – centra il secondo sigillo consecutivo dopo quello con Tortona piegando la Fortitudo Kigili Bologna con uno scoppiettante 105-93. In una serata in cui gli attacchi hanno avuto in dubbiamente la meglio sulle difese – spesso non impeccabili – a fare la differenza è stata la gragnuola di triple dei salentini, che dall’arco hanno piazzato uno strepitoso 16/25 complessivo (10/13 dopo la prima metà di gara). Quattro sono le bombe mandate a bersaglio da Alessandro Zanelli, miglior realizzatore dei suoi con 18 punti e capace di chiudere i conti nel finale con un paio di stilettate molto pesanti. A dar man forte al playmaker classe 1992 ci hanno pensato Josh e Nick Perkins (17 punti a testa) e un Riccardo Visconti, positivo soprattutto in avvio. Dall’altra parte, alla Fortitudo, che ha cercato di restare fino alla fine aggrappata al match, non sono bastati i 23 punti di Benzing, i 18 di Aradori e i 16 e 6 rimbalzi di Totè. Ai biancoblu resta il grande rammarico di aver fallito 11 dei 19 liberi tentati. Più che positivo, però, l’esordio in maglia fortitudina dello statunitense Djabril Durham che ha chiuso con 13 punti e 8 assist.

La gara

Trascinata da un tarantolato Visconti, l’Happy Casa ha provato da subito a fare il vuoto toccando il primo vantaggio in doppia cifra sul 25-14, ma la Fortitudo, grazie all’esordiente Durham e alla presenza sotto le plance di Totè, è riuscita a limitare i danni e a chiudere il primo quarto a -4 (28-24). Ogniqualvolta, però, la Kigili è riuscita ad avvicinarsi, è arrivata la risposta di Brindisi: un nuovo 8-0 ha infatti lanciato l’ennesima fuga dell’Happy Casa che ha continuato a colpire dall’arco con percentuali altissime. Nonostante l'eccellente serata nel tiro da fuori, però, la formazione di Vitucci all’intervallo lungo si è ritrovata con sole otto lunghezze di vantaggio e ben 55 punti segnati (55-47). Il canovaccio della gara è rimasto invariato anche nella ripresa, con Brindisi a respingere tutti i tentativi della Kigili fino allo strappo finale, un 12-0 propiziato dalle triple di Zanelli a metà del quarto quarto, che ha spento le speranze degli uomini di Martino.

Leggi anche - Eurolega, Milano cala il poker: al Forum cade anche l'Efes