Awudu Abass (LaPresse)
Awudu Abass (LaPresse)

Bologna 20 aprile 2019 – Il Sabato Santo della pallacanestro regala sorprese anche in occasione della ventisettesima giornata del campionato di Serie A. In vetta alla classifica cadono in trasferta la capolista Armani Milano e l’Umana Reyer Venezia mentre Cremona consolida il terzo posto. Nei bassifondi Pistoia vede ridursi al lumicino le speranze di salvezza col ko a Trento mentre rialza la testa la Virtus Bologna in quel di Reggio Emilia.

Il pomeriggio si apre col successo della Dolomiti Energia Trentino che ottiene la seconda vittoria consecutiva casalinga imponendosi per 82-73 contro l’Oriora Pistoia. I toscani durano fino al terzo periodo guidati da Mitchell e Peak prima dell’accelerata data Forray ed Hogue che alzano le ambizioni dei bianconeri. Il primo dei due derby lombardi del turno è quello che registra il successo dell’Acqua San Bernardo Cantù che si impone per 84-75 sulla Openjobmetis Varese che conferma il suo trend negativo in trasferta. Il buon primo tempo per i prealpini non basta al cospetto degli uomini di coach Brienza che rialzano la testa nella ripresa con un solido Davon Jefferson (19 punti e 10 rimbalzi) che consente alla sua squadra di tenere accese le speranze di post season raggiungendo a quota ventotto proprio i biancorossi. L’Alma Trieste, invece, miete un’altra vittima superando l’Umana Reyer Venezia 104-85  e conferma di essere la squadra rivelazione della stagione. Dragic è il trascinatore nella serata che premia i friuliani che prendono il largo nel secondo tempo quando il solo Mitchell Watt non è sufficiente ad evitare il passo falso. Recupera e ottiene un risultato importante la Vanoli Cremona che consolida il terzo posto in graduatoria: 93-86 contro l’Happy Casa Brindisi. Stojanovic ed altri quattro uomini in doppia cifra regalano il sorriso ai lombardi costretti agli straordinari contro i pugliesi che ben hanno impressionato nel primo tempo ben sospinti da John Brown.

Dopo la finale di Fiba Europe Cup ottenuta in settimana, il Banco di Sardegna Sassari passa anche sul campo di Pesaro per 81-88. Decisivo l’asse Smith - Thomas con trentotto punti in due contro gli adriatici costretti sempre ad inseguire gli avversari. Fa la voce grossa la Germani Brescia che dopo un tempo supplementare stende Milano per 92-86 e tiene accesa qualche speranza di accedere alla post season. Match dai continui colpi di scena in cui a distinguersi è l’ex Abass con 23 punti e 9 carambole catturate nel pitturato. A Milano nulla servono i venticinque di James Nunnally. La Sidigas Avellino riabbraccia Patric Young (out per due mesi) e rialza la testa chiudendo una striscia negativa di quattro ko: 109-82 contro una Fiat Torino priva di Poeta e Mcadoo e che in settimana è attesa da decisioni importanti sul futuro societario. La Virtus Bologna dà un calcio alla minicrisi e sbanca il PalaBigi di Reggio Emilia per 81-89: Aradori e Punter regolano la truppa di Pillastrini che resta coinvolta nella lotta per non retrocedere.