Bologna, 14 maggio 2018 – Continua senza sosta la corsa dei playoff della Serie A targata Postemobile. Al Mediolanum Forum di Assago l’EA7 Milano ha rispettato il pronostico sconfiggendo la Red October Cantù per la seconda volta nel giro di quarantotto ore con un netto 87-75. Dopo un avvio molto equilibrato, Milano, spinta da Vlado Micov (13 punti) e da una tripla pesantissima di Jerrells, ha preso il sopravvento conquistando un vantaggio di 7 lunghezze. Nella seconda frazione è stato poi Dairis Bertans a scatenarsi e a segnare gli 11 punti (ha chiuso a quota 16) che hanno consentito all’Olimpia di spiccare definitivamente il volo fino a toccare il +25 (50-25). A un passo dal baratro sono state le triple di Culpepper e i canestri di Burns (10 punti nella frazione) a dare al scossa alla Red October Cantù che, anche grazie ad un break di 13-0 è riuscita ad andare negli spogliatoi a -15 (54-39). Nel secondo tempo però i brianzoli non sono riusciti a continuare nella loro risalita e hanno alzato anzitempo bandiera bianca cadendo sotto i colpi di Kuzminskas (15 punti).

Ben più combattuta è stata la sfida andata in scena al PalaGeorge di Montichiari dove un canestro allo scadere di Marcus Landry ha mandato in paradiso la Germani Brescia che si è imposta per 77-75 sulla Openjometis Varese e ha conquistato il soffertissimo punto del 2-0 nella serie. Come detto però è stato tutt’altro che semplice imporsi per i bresciani che si sono subito trovati a rincorrere i biancorossi che nel primo quarto, trascinati da Stan Okoye (18 punti) e Tyler Cain (11 punti) hanno raggiunto persino il +15 prima di subire un 7-0 in chiusura di frazione ispirato da Moss e Michele Vitali. Sacchetti ha portato il disavanzo dei suoi a sole 5 lunghezze dall’arco ma Varese ha subito replicato con un controparziale di 9-1 propiziato dalle triple di Vene (18 punti) che ha portato a 13 lunghezze il vantaggio di Varese (31-18). Otto punti in fila di Landry, sommati a quelli prodotti da Luca Vitali e Sacchetti, hanno però rimesso in carreggiata Brescia prima della pausa lunga. L’inseguimento è poi proseguito per tutto il terzo quarto che si è concluso sul +7 esterno. Al ritorno in campo Brescia ha provato di nuovo ad accelerare con un break mortifero di 12-0 chiuso dalla tripla di Luca Vitali che ha messo il punto esclamativo sul sorpasso dei padroni di casa che hanno innescato un lungo punto a punto che Vene e Avramovic sembravano aver risolto spingendo Varese a +3 a 1’ dalla fine. I liberi di Moss e i due canestri conclusivi di Landry hanno però ribaltato tutto e consegnato nelle mani di Brescia il 2-0.