L'AEK Atene in festa (foto FIBA)
L'AEK Atene in festa (foto FIBA)

Rio de Janeiro (Brasile), 18 febbraio 2019 – L’AEK Atene sconfigge 86-70 e fa sua la prima edizione della FIBA Intercontinental Cup di pallacanestro. In questo successo dell’AEK, che in semifinale ha piegato gli argentini del San Lorenzo (terzi classificati dopo aver sconfitto gli Austin Spurs), c’è anche un importante componente italiana visto che sulla panchina giallonera siede coach Luca Banchi che ha così conquistato il suo primo trofeo con i gialloneri che hanno partecipato a questa manifestazione in virtù della vittoria in Champions dello scorso anno. Anche in campo il protagonista è stato però una vecchia conoscenza del nostro massimo campionato: stiamo parlando di Jordan Theodore che lo scorso anno ha difeso i colori dell’Olimpia Milano. Nell’ultimo atto della Coppa Intercontinentale, lo statunitense con passaporto macedone – che gioca assieme a Dusan Sakota, Delroy James e Jonas Maciulis (anche loro protagonisti in Serie A in passato) – ha portato a casa un bottino di 22 punti, 5 assist e 3 palloni recuperati e ha preso per mano la squadra che ha preso il largo nel secondo quarto e non si è più voltata indietro nonostante i tentativi di rientrare messi a segno dai brasiliani nel terzo spicchio di gara.
 

Per la FIBA – ha commentato a margine dell’evento Horacio Muratore, presidente della Federazione Internazionale di basket – questa è una dimostrazione del grande impegno che abbiamo messo per organizzare la manifestazione e della voglia che abbiamo di continuare a sviluppare il prodotto pallacanestro nel mondo. Abbiamo lavorato assieme all’NBA, alla Lega nazionale brasiliana, quella argentina e alla Champions League europea di pallacanestro per organizzare questa coppa e siamo davvero soddisfatti della perfetta riuscita dell’evento".