Firenze, 14 febbraio 2018 – Domani, al Mandela Forum di Firenze, che torna a riabbracciare un evento della Legabasket dopo quasi 21 anni, si alzerà ufficialmente il sipario sulle Final Eight di Coppa Italia 2018 targate Postemobile che saranno integralmente visibili su Rai Sport HD, Eurosport 2 ed Eurosport Player.

La prima palla a due è fissata per le 18 quando scenderanno in campo la Sidigas Avellino, favorita per la vittoria finale assieme a Milano, e la Vanoli Cremona dei cugini Diener e di Meo Sacchetti che il trofeo lo hanno già alzato a Sassari. Proprio la formazione lombarda, pur essendo reduce da due sconfitte in campionato, potrebbe essere la sorpresa del torneo vista la pericolosità di alcuni giocatori come Johnson-Odom, Martin e Sims e vista la solidità acquisita con il passare delle giornate. La vincente di Avellino-Cremona se la vedrà poi con la squadra che trionferà nel quarto di finale che vedrà opposti, domani sera alle 20.45, i campioni d’Italia della Reyer Venezia – che si sono da poco rinforzati con un giocatore di livello assoluto come Austin Daye – alla Fiat Torino che domenica è tornata al successo espugnando Pesaro, ma che è decisamente incerottata visti i problemi fisici di Peppe Poeta (in forse fino all’ultimo dopo l’operazione al naso), Sasha Vujacic (guai alla spalla), David Okeke e del nuovo arrivato Norvel Pelle (colpito da un forte attacco influenzale). Per i gialloblu arrivare quantomeno in fondo alla competizione potrebbe significare la svolta che permetterebbe di raddrizzare una stagione che, dopo le dimissioni ravvicinate dei coach Banchi e Recalcati, ha preso una piega complicata.

Venerdì invece si giocheranno gli ultimi due quarti di finale: alle 18 scenderanno in campo l’EA7 Milano detentrice del trofeo e la MIA Cantù che daranno vita ad un derby che promette sicuramente spettacolo anche se i brianzoli dovranno rinunciare alla loro punta di diamante Randy Culpepper che si è fratturato la mano nel derby contro Varese un paio di settimane fa. Gli infortuni potrebbero però condizionare anche le prestazioni della Virtus Segafredo Bologna che alle 20.45 fronteggerà la Germani Brescia che domenica ha incassato un pesantissimo ko nel derby contro Varese: i bianconeri felsinei, infatti, non potranno contare su un giocatore fondamentale per il sistema orchestrato da coach Ramagli come Pietro Aradori – costretto ai box da una lesione muscolare – e potrebbero dover rinunciare anche a Stefano Gentile, alle prese con alcuni problemi al polso. Sabato alle 18 e alle 20.45 si disputeranno poi le due semifinali, mentre la finale è fissata per domenica alle 18. Trattandosi di una manifestazione con gare ad eliminazione diretta, è sempre difficile fare un pronostico anche se, sulla carta, come detto, Avellino e Milano sembrano avere una marcia in più. Attenzione però a formazioni imprevedibili e periclose come Venezia, Cremona, Torino e Cantù che potrebbero fare un importante exploit. L'ultima parola ora passa al campo.