Bologna, 12 novembre 2019 – Martedì decisamente da dimenticare per le formazioni italiane impegnate nelle coppe europee di pallacanestro, che hanno rimediato due sconfitte: in Eurocup a cadere è stata la Dolomiti Energia Trento, battuta 76-69 alla BLM Group Arena dal Buducnost, fanalino di coda del gruppo D. A trascinare i montenegrini al successo ci ha pensato Hassan Martin (18 punti e 7 rimbalzi) che nel terzo periodo assieme all’ex Sassari Scott Bamforth ha iniziato a martellare il canestro di Trento che ha subito un devastante parziale di 31-8 (nel frangente i bianconeri nel frangente hanno siglato solo quattro canestri) che dal +8 di fine primo tempo l’hanno fatta scivolare a -15 a 10’ dalla fine. Un solco che gli uomini di Brienza, che hanno tirato con il 45% da due e il 31.8% da tre, non hanno più saputo colmare.

Serata da dimenticare anche per la Happy Casa Brindisi che in Basketball Champions League FIBA superati 95-91 dal PAOK Salonicco dell’ex Ravenna Adam Smith, autore questa sera di 27 punti. Dopo un primo tempo chiuso sul 45-45, la Happy Casa ha provato a dare lo strappo allungando a +7 grazie a Zanelli, Stone e Brown (52-59), ma il PAOK è rimasto aggrappato al match chiudendo il terzo quarto attardato di sole due lunghezze (70-72). Il preludio all’aggancio arrivato nel quarto quarto – nonostante i tentativi di allargare nuovamente la forbice fatti da Campogrande – e ispirato dai canestri di Smith, Kelly e Knowles (87-86). A quel punto a Brindisi è venuta a mancare un po’ di lucidità e Salonicco ne ha approfittato per allungare in maniera decisiva con i punti messi a segno da Wiggins e dallo stesso Smith.