Gianmarco Pozzecco
Gianmarco Pozzecco

Sassari, 4 marzo 2020 – Cominciano con una sconfitta gli ottavi di finale della Basketball Champions League FIBA della Dinamo Sassari che tra le mura amiche del PalaSerradimigni è stata superata in volata 81-84 dagli spagnoli del San Pablo de Burgos. Trascinati dalle stilettate dall’arco di uno straripante Vitor Bente (miglior realizzatore del match con 30 punti), gli ospiti hanno dato una prima spallata nel quarto d’apertura piazzando un break di 13-0 che è valso il vantaggio e poi hanno addirittura alzato i propri decibel mettendo a segno anche un 15-0 che ha fatto lievitare il vantaggio iberico fino al 15 lunghezze (36-51 all’intervallo lungo). La Dinamo ha però cambiato pelle nel secondo tempo e, grazie ad una difesa attenta e asfissiante e alla guida di Michele Vitali e Marco Spissu (per lui 17 punti di cui 13 nel solo terzo quarto), ha iniziato la sua rincorsa culminata a 44” dalla fine con il canestro del -1 con il viaggio in lunetta di Pierre (81-82). Sforzi resi vani da Earl Clark che praticamente allo scadere ha siglato l’81-84 finale in sottomano.

Non è andata meglio alla Dolomiti Energia Trento che ha chiuso la sua Eurocup incassando un perentorio 91-75 in casa del Partizan Belgrado che ha chiuso al primo posto e con una sola sconfitta il gruppo E. I serbi, che hanno mandato cinque uomini in doppia cifra (19 punti per Ognjen Jaramaz) e chiuso con straripanti percentuali al tiro (54.5% da due e addirittura 50% da tre), hanno preso pian piano il sopravvento nella seconda frazione e poi non hanno più mollato la testa del match affossando una Trento a cui non sono bastati i 20 punti di Justin Knox e i 20 di James Blackmon.