Sassari, 3 dicembre 2019 – Si ferma dopo quattro successi consecutivi la corsa della Dinamo Sassari che incassa il primo ko interno stagionale in Basketball Champions League FIBA perdendo in volata contro il Baxi Manresa 74-73. A trascinare al successo la formazione iberica, che ha così agganciato proprio Sassari in vetta al gruppo A, ci hanno pensato l’ex Treviso e Montegranaro Ryan Toolson, autore di 24 punti con 9/17 al tiro, e David Kravish che ha portato a casa una preziosa doppia doppia (10 punti e 10 rimbalzi). Niente da fare quindi per i biancoblu – a cui non sono bastati i 24 punti e 10 rimbalzi di Dwayne Evans – che hanno dilapidato un vantaggio di 12 lunghezze accumulato nel corso del match e hanno pagato a carissimo prezzo il 5/19 finale nel tiro da tre punti.

Dopo un primo quarto giocato sul filo dell’equilibrio (18-17), Sassari è salita di colpi e, grazie alle triple di Jerrells e Gentile, ha preso in mano l’inerzia del match arrivando a toccare per la prima volta nel match il +10 a 2’18” dall’intervallo lungo a seguito di un gioco da tre punti di Evans. I sardi non sono però riusciti a capitalizzare questo buon momento e hanno subito il parziale rientro di Manresa che grazie a Jou, Perez e Magarity ha dimezzato lo svantaggio (37-32 al 20°). In uscita dagli spogliatoi la Dinamo ha provato una nuova accelerata affidandosi ad Evans ma, quando tutto sembrava andare per il verso giusto per i biancoblu, arrivati fino al +12 (46-34), è arrivata l’ennesima replica iberica affidata a Toolson che ha ispirato l’11-0 con il quale Manresa ha rimesso tutto in discussione riuscendo addirittura ad impattare il risultato sul 54-54 di fine terzo quarto. Ne è nato così un punto a punto risolto soltanto nel finale dai punti portati a casa da Dulkyns – glaciale in lunetta – e da Toolson.