E’ l’ora della verità per l’Italvolley femminile, il momento in cui si capirà se i progressi visti nel girone di qualificazione possono autorizzare qualche sogno di gloria negli Europei in corso. Le azzurre oggi a Belgrado, dove si sono trasferite dopo il gruppo iniziale in Croazia, affrontano alle 17 (diretta RaiDue e DAZN) una squadra alla portata, ma scomoda come il Belgio. Mazzanti ha dovuto sostituire la Fahr (infortunio al legamento) con la Mazzaro arrivata solo ieri dall’Italia, il Belgio dovrà fare a meno della schiacciatrice Britt Herbots fuori per uno strappo agli addominali. "In questa partita sarà la qualità dell’attacco a fare la differenza". Discorso che ovviamente riguarda da vicino Paola Egonu, leader delle azzurre e in cerca di riscatto dopo la delusione olimpica: "Il Belgio può metterci in difficoltà e mi aspetto una bella partita", ha detto prima di mandare a Sarah Fahr "un grande in bocca al lupo per l’intervento. Spero di rivederla presto in campo". Negli altri ottavi, impresa della Svezia di Ettore Guidetti che ha battuto la Bulgaria centrando i quarti, raggiunti anche dal cugino Giovanni che guida la Turchia, da Olanda e Francia. In caso di passaggio del turno le azzurre sfideranno alle 20 la vincente di Russia-Bielorussia. Nel mondiale Under 19 l’Italia di Fanizza sfida agli ottavi la Nigeria, ore 7,30 italiane.