di Marco Galvani MONTMELÒ (Spagna) Quinta pole consecutiva per Fabio Quartararo. Come non succedeva dal 2014 con Marc Marquez. Il francese della Yamaha mette a referto un 1’38’’853 tenendosi negli scarichi le due Ducati di Jack Miller (in prima fila nonostante una caduta in Q2) e Johann Zarco. In difficoltà l’altra Ducati ufficiale di ‘Pecco’ Bagnaia (9°) e Valentino Rossi, riuscito comunque a passare direttamente in Q2 con il tempo delle terze libere, ma soltanto 11° in griglia: "Comunque mi sono divertito...

di Marco Galvani

MONTMELÒ (Spagna)

Quinta pole consecutiva per Fabio Quartararo. Come non succedeva dal 2014 con Marc Marquez. Il francese della Yamaha mette a referto un 1’38’’853 tenendosi negli scarichi le due Ducati di Jack Miller (in prima fila nonostante una caduta in Q2) e Johann Zarco. In difficoltà l’altra Ducati ufficiale di ‘Pecco’ Bagnaia (9°) e Valentino Rossi, riuscito comunque a passare direttamente in Q2 con il tempo delle terze libere, ma soltanto 11° in griglia: "Comunque mi sono divertito e penso di avere un potenziale migliore", assicura Vale. E per oggi: "I primi 2-3 giri saranno determinanti. Abbiamo fatto dei passi in avanti anche in FP4, il passo è buono e mi sento bene sulla moto". Crisi Honda: la ‘migliore’ è quella di Pol Espargarò (12°), mentre Marc Marquez è stato eliminato in Q1. Non è riuscito a sfruttare il traino di Miller e partirà 13°. E oggi sarà una gara che promette scintille. Con Bagnaia obbligato alla rimonta per non lasciare campo libero a Quartararo e dargli l’occasione di allungare in vetta alla classifica. Anche se ‘El diablo’ è in evidente stato di grazia: "E’ un momento magico per me – ammette -, quando tutto va bene sembra sia più facile, ma non dobbiamo rilassarci. Parto dalla pole ed è molto importante, anche se devo limare ancora qualche dettaglio per andare più veloce". Soprattutto perché le Ducati sono in agguato. Miller è "soddisfatto e fiducioso per domani", mentre Zarco preferisce tenere il freno pinzato: "Sono contento, vediamo come andrà in gara". Sarà dura. "Faticheremo tutti con le gomme perché qui c’è molto degrado" prevede Franco Morbidelli (Yamaha Petronas), 5°.

In Moto2 la sfida per la pole se la giocano i due piloti del team KTM Ajo: la spunta il leader del Mondiale Remy Gardner (1’42.977), 2° Raul Fernandez. In prima fila anche Bo Bendsneyder. Quinto Fabio Di Giannantonio, mentre Marco Bezzecchi scatterà 10°, 14° Tony Arbolino davanti a Lorenzo Dalla Porta e Nicolò Bulega. Doppietta del team Gresini in Moto3 con Gabriel Rodrigo (1’47.597) davanti a Jeremy Alcoba. In prima fila anche Niccolò Antonelli (KTM). Quarto e alla sua miglior qualifica in carriera Stefano Nepa (KTM). Decimo Riccardo Rossi (KTM) che precede Romano Fenati (Husqvarna), 16° Dennis Foggia (Honda), mentre Andrea Migno (Honda) è stato eliminato in Q1 e partirà 21°. Solo 25° il leader di classifica Pedro Acosta (KTM). Così oggi le gare in tv: diretta su Sky e Dazn alle 11.20 la Moto3, alle 13 la MotoGp e alle 14.30 la Moto2. Differita su TV8: alle 14.05 la Moto3, alle 15.45 la MotoGp, alle 17.15 la Moto2.