Si riparte contro i migliori, con la consapevolezza che il rugby italiano deve cambiare marcia. Alla vigilia della sfida di oggi contro gli All Blacks, alle 14 all’Olimpico (Skysport Arena e Tv8), lo ha ammesso anche il presidente della federazione Marzio Innocenti, che era in campo nel 1987, in occasione della prima sfida fra Italia e Nuova Zelanda: "Negli ultimi tempi abbiamo toccato il punto più basso, per far tornare la fiducia dei tifosi italiani ci vogliono i risultati: arriveranno, un passo dopo l’altro. Servono formazione, programmazione. Voglio che anche il custode dell’ultimo campo di Serie C sappia di avere un ruolo fondamentale, nel movimento. Ho detto ai ragazzi che alla fine del match dovranno guardare negli occhi gli avversari, se ci leggeranno dentro il rispetto, vorrà dire che si saranno quadagnati questa occasione".

Oggi gli azzurri avranno un capitano al debutto con la fascia, Michele Lamaro: "Sarà un’emozione incredibile. La prima partita da capitano dell’Italia con il pubblico che ritorna allo stadio. Ci siamo preparati molto bene in queste due settimane a Verona". Gli azzurri dovranno poi affrontare l’Argentina a Monigo e l’Uruguay a Parma.

Italia: Minozzi; Mori, Brex, Zanon, Ioane; Garbisi, Varney; Giammarioli, Lamaro, Negri; Sisi, Fuser; Riccioni, Lucchesi, Fischetti. A disp. Bigi, Nemer, Ceccarelli, Cannone, Ruzza, Steyn, Braley, Canna. All. Crowley.