Michael Storer, Team DSM, ha vinto la tappa 7 della Vuelta (Ansa)
Michael Storer, Team DSM, ha vinto la tappa 7 della Vuelta (Ansa)

Balcon de Alicante, 20 agosto 2021 - La tappa 7 della Vuelta 2021, molto attesa in ottica classifica generale, in realtà le migliori emozioni le regala per quanto riguarda la maxi fuga di giornata, da cui esce il vincitore delle frazione: si tratta di Michael Storer, che con una strenua resistenza beffa gli ex compagni dell'attacco. Calma quasi piatta in gruppo, dove a parte un paio di rasoiate in particolare di Adam Yates succede poco o nulla: non la pensano proprio così Alejandro Valverde e Hugh John Carthy, il cui Giro di Spagna termina rispettivamente per una brutta caduta e il persistere di problemi fisici. Giornata non positiva anche per gli italiani, ossia Giulio Ciccone, Fabio Aru e Damiano Caruso, che restano leggermente attardati nel caos finale, quello in cui Primoz Roglic ha difeso con le unghie e con i denti la maglia rossa. Dopo le fatiche odierne, torna il terreno fertile per i velocisti, che si sfideranno nella tappa 8, la Santa Pola-La Manga del Mar Menor di 173,7 km.

Tappa 6 a Cort Nielsen. Roglic di nuovo leader

La cronaca

Un primo tentativo di fuga parte sul Puerto la Llacuna (9,4 km con una pendenza media del 6,2%) ma viene prontamente annullato da un gruppo che si spezzetta in vari tronconi: uno, di ben 29 unità, si impone al comando poco prima del Puerto de Tudons (7,1 km con una pendenza media del 5%). Sul Puerto El Collao (9,5 km con una pendenza media del 4,6%) dal plotone provano ad attaccare Richard Carapaz, Adam Yates (Ineos Grenadiers) e Alejandro Valverde (Movistar): quest'ultimo arriva lungo in una curva e cade in un dirupo, interrompendo così la sua Vuelta come poco prima, stavolta per problemi fisici, aveva fatto Hugh John Carthy (EF Education-Nippo). Anche Primoz Roglic (Jumbo-Visma) e Miguel Angel Lopez (Movistar) provano a fare il vuoto, cosa che riesce davanti a Michael Storer (Team DSM), Pavel Sivakov (Ineos Grenadiers) e Gregory Lawson Craddock (EF Education-Nippo). Tra gli inseguitori figura Jan Polanc (UAE Team Emirates), a lungo maglia rossa virtuale, che però perde contatto sul Puerto de Tibi (5,3 km con una pendenza media del 5,3%). Sulle prime rampe del Balcon de Alicante (8,4 km con una pendenza media del 6,2%) alla testa della corsa (priva di Craddock) si aggiungono dalle retrovie Carlos Verona (Movistar) e Andreas Kron (Lotto Soudal), ma il più pimpante si dimostra Storer, che taglia per primo il traguardo nonostante le difficoltà accusate negli ultimi metri. Intanto nel gruppo dei migliori uno dei pochi ad agitare le acque è ancora Yates: Roglic risponde presente e conserva la maglia rossa, mentre nel finale perdono leggermente terreno Mikel Landa, Damiano Caruso (Bahrain Victorious), Giulio Ciccone (Trek-Segafredo) e Fabio Aru (Team Qhubeka NextHash).

Ordine d'arrivo tappa 7 Vuelta 2021

1) Michael Storer (DSM) in 4h10'13''
2) Carlos Verona (MOV) +21''
3) Pavel Sivakov (IGD) +59''
4) Sepp Kuss (TJV) +1'16''
5) Jack Haigh (TBV) +1'24''
6) Romain Bardet (DSM) +1'32''
7) Felix Grossschartner (BOH) +1'32''
8) Andreas Kron (LTS) +1'37''
9) Steff Cras (LTS) +2'17''
10) Jan Polanc (UAD) +2'29''








Classifica generale Vuelta 2021 

1) Primoz Roglic (TJV) in 25h18'35''
2) Felix Grossschartner (BOH) +8''
3) Enric Mas (MOV) +25''
4) Miguel Angel Lopez (MOV) +36''
5) Jan Polanc (UAD) +38''
6) Egan Bernal (IGD) +41''
7) Jack Haigh (TBV) +57''
8) Sepp Kuss (TJV) +59''
9) Aleksandr Vlasov (APT) +1'06''
10) Adam Yates (IGD) +1'22''








Leggi anche:

La guida: percorso, tappe, altimetrie della Vuelta 2021

Vuelta 2021: i favoriti secondo Angelo Costa