Wout van Aert
Wout van Aert

Bologna, 29 ottobre 2021 – Un buon 2021 per Wout van Aert, ma è mancato l’acuto in casa ai mondiali di Leuven. La sconfitta per mano di Filippo Ganna nella cronometro individuale ha pesato sulle spalle del belga che è comunque stato eletto Flandrien of the Year dal quotidiano Het Nieuwsblad, forte di 13 successi in stagione con tre vittorie al Tour e il successi nella Gand Wevelgem e nell’Amstel.

Periodo duro dopo il Mondiale

Il 27enne belga è soddisfatto della sua annata, ma chiaramente il mondiale senza ori tra cronometro e prova in linea ha reso complicato il finale di 2021: “Penso sia stato un buon anno, mi sono confrontato con i migliori e ho ottenuto buoni risultati – le sue parole – C’è ancora molto da fare perché mi aspettavo di più e ho trascorso un periodo complicato con il secondo posto nella crono individuale. Sicuramente se fossi stato sei secondi più veloce avrei chiuso meglio l’anno”.

Leggi anche - Ciclismo, il 6 novembre il primo Criterium Giro d'Italia