Simon Yates vince a Bagneres de Bigorre (Ansa)
Simon Yates vince a Bagneres de Bigorre (Ansa)

Bagneres de Bigorre, 18 luglio 2019 - La tappa 12 del Tour de France 2019 presenta ai corridori il primo assaggio di Pirenei dopo la volata di ieri. La frazione di oggi è animata da una maxi fuga composta da 40 unità, dalle quali esce il vincitore di giornata dopo una folta scrematura nell'arco dei 3 GPM in programma: si tratta di Simon Yates, che batte in volata Pello Bilbao e Gregor Muehlberger e mette la sua firma nella Grande Boucle nonostante il ruolo di gregario del gemello Adam. Calma piatta invece per quanto riguarda gli uomini in lotta per la classifica generale, che tagliano il traguardo con un ritardo di 9'35'' dal britannico della Mitchelton-Scott: presenti nel drappello dei migliori Fabio Aru e Giulio Ciccone, ma non Vincenzo Nibali. Domani, giorno della tanto attesa cronometro di Pau, chi lotta per la maglia gialla non potrà invece nascondersi.

Aggiornamento: classifica dopo la tappa 14

Classifica dopo tappa 13

Tappa 13 a cronometro: orari tv, percorso, favoriti

LA VOLATA DI YATES

La tappa di oggi

209 km e 3 GPM (di cui due di prima categoria): è con la Toulouse-Bagneres de Bigorre che il Tour approccia i primi Pirenei. Dopo tanti tentativi naufragati, parte la fuga buona che annovera 40 unità, tra cui Peter Sagan, Daniel Oss (Bora-Hansgrohe), Tony Gallopin (AG2R La Mondiale), Sonny Colbrelli (Bahrain-Merida), Pello Bilbao (Astana), Dylan Groenewegen, Mike Teunissen (Jumbo-Visma), Alberto Bettiol, Simon Clarke (EF Education First), Matteo Trentin, Simon Yates (Mitchelton-Scott), Greg Van Avermaet (CCC), Rui Costa, Alexander Kristoff (UAE Team Emirates), Lilian Calmejane (Total Direct Energie), Fabio Felline (Trek-Segafredo), Tim Wellens (Lotto Soudal), Andrea Pasqualon (Wanty-Gobert), Edvald Boasson Hagen (Dimension Data), Nicolas Roche e Michael Matthews (Team Sunweb). Il drappello affronta la prima salita di giornata, la Cote de Montoulieu-Saint-Bernard (1,7 km al 5,2% di pendenza media), con un vantaggio di 3'30''. Sul Col du Peyresourde (13,2 km al 7,0%) il gap aumenta di 1' e Colbrelli prima e Calmejane poi attaccano: l'azione buona è quella del francese, mentre il resto del plotone dei fuggitivi subisce una pesante scrematura. Sulla discesa è Clarke a provarci, inseguito da Trentin appena la strada torna a salire con l'ultimo GPM di giornata, ovvero l'Hourquette d'Anciezan (9,9 km al 7,5%, con pendenza massima del 9,5%). Sulle rampe più dure dalle retrovie avanza un altro drappello, che annovera Galloppin, Roche e soprattutto Yates, che - non curante del suo compagno di squadra Trentin che conduce la tappa - lo riprende e fa il vuoto con i soli Gregor Muehlberger e Pello Bilbao alla sua ruota. E' questo terzetto a giocarsi la vittoria, che va come da previsioni a Yates, che nello sprint batte i due ex compagni di fuga e mette il suo timbro in un Tour vissuto da gregario del gemello Adam. Calma piatta tra gli uomini in lotta per la classifica generale, che arrivano dopo 9'35'' e si sfideranno domani nella cronometro di Pau. Da segnalare il ritiro di Rohan Dennis, compagno di Nibali alla Barhain Merida (un abbandono che sembra aver generato tensioni tra il corridore e la squadra) e di Giacomo Nizzolo.

Tappa 12, le pagelle di Angelo Costa

L'ARRIVO DEL GRUPPETTO

Ordine d'arrivo della tappa 12

1) S. Yates (MTS) in 4h57'53''
2) P. Bilbao Lopez de Armentia (AST) st
3) G. Muehlberger (BOH) st
4) T. Benoot (LTS) +1'28''
5) F. Felline (TFS) +1'28''
6) M. Trentin (MTS) +1'28''
7) O. Naesen (ALM) +1'28''
8) R. Costa (UAD) +1'28''
9) S. Clarke (EF1) +1'28''
10) J. Stuyven (TFS) +1'28''

Classifica generale Tour de France 2019

1) J. Alaphilippe (DQT) in 52h26'09''
2) G. Thomas (INS) +1'12''
3) E. Bernal (INS) +1'16''
4) S. Kruijswijk (TJV) +1'27''
5) E. Buchmann (BOH) +1'45''
6) E. Mas (DQT) +1'46''
7) A. Yates (MTS) +1'47''
8) N. Quintana (MOV) +2'04''
9) D. Martin (UAD) +2'09''
10) T. Pinot (GFC) +2'33''
24) F. Aru (UAD) +5'57''
30) G. Ciccone (TFS) +14'35''

false