Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
21 lug 2022
giusy anna maria d'alessio
Sport
21 lug 2022

Tour de France 2022, tappa 18: tripudio Vingegaard. Classifica generale e ordine d'arrivo

Il danese vince l'ultima frazione sui Pirenei e blinda la vittoria finale: Pogacar cade in discesa e si stacca in salita

21 lug 2022
giusy anna maria d'alessio
Sport
Jonas Vingegaard (Ansa)
Jonas Vingegaard (Ansa)
Jonas Vingegaard (Ansa)
Jonas Vingegaard (Ansa)

Hautacam, 21 luglio 2022 - Dopo le Alpi ci pensano i Pirenei, nella tappa 18, a emettere un verdetto probabilmente definitivo: il più forte del Tour de France 2022 è Jonas Vingegaard. Merito del danese ma anche della sua Jumbo-Visma, che con un lavoro certosino prima aiuta la maglia gialla (da oggi anche a pois) a replicare a ogni attacco di Tadej Pogacar e poi addirittura lancia l'attacco finale del leader della classifica generale, che fa il vuoto sull'ultima salita e in un colpo solo si assicura la frazione e, a meno di crolli clamorosi nella cronometro di sabato, l'intera Grande Boucle. Già, Pogacar, ora in ritardo di ben 3'26'' in graduatoria: il campione in carica ci prova in ogni modo a far saltare il banco ma a saltare è proprio lui. Di mezzo ci si mette anche una caduta in discesa che consegna al ciclismo un'immagine destinata a rimanere nella storia: Vingegaard (che precedentemente aveva a sua volta rischiato di scivolare) si ferma e aspetta il rivale, che lo ringrazia con una stretta di mano. Insomma, solo uno vincerà il Tour, ma dietro la cavalcata trionfale del danese ci sono la generosità e il coraggio dello sloveno, non più invincibile come negli anni scorsi ma molto più umano: anche e soprattutto nel momento della sconfitta. Si rifiata nella tappa 19, la Castelnau-Magnoac-Cahors di 188,3 km: le uniche difficoltà altimetriche sono 2 GPM di quarta categoria che non dovrebbero spaventare i velocisti rimasti in gruppo, che in questo Tour hanno vissuto giornate peggiori.

Approfondisci:

Tour de France 2022 domani, tappa 21 in tv: percorso, orari e favoriti

Vingegaard pigliatutto: "L'avevo promesso alla mia famiglia"

Tour de France, tappa 19 in tv: orari, percorso e favoriti

La cronaca

 

Dal gruppo, ripartito senza Damiano Caruso (Bahrain Victorious) e Chris Froome (Israel-Premier Tech), poco prima del Col d'Aubisque (16,4 km con una pendenza media del 7,1%) si avvantaggia un folto drappello di attaccanti: tra essi c'è Giulio Ciccone (Trek-Segafredo), che prova a dare l'assalto alla maglia a pois di Simon Geschke (Cofidis). In testa alla corsa ci sono anche Tiesj Benoot, Wout Van Aert (Jumbo-Visma), Thibaut Pinot (Groupama-FDJ), Daniel Felipe Martinez (Ineos Grenadiers), Bob Jungels (AG2R Citroen Team), Patrick Konrad, Maximilian Schachmann (Bora-Hansgrohe), Matteo Jorgenson, Enric Mas, Carlos Verona, Gorka Izagirre (Movistar Team), Dylan Teuns (Bahrain Victorious), Andreas Leknessund (Team DSM), Alexandr Riabushenko, Alexey Lutsenko (Astana Qazaqstan Team), Rigoberto Uran (EF Education-EasyPost), Andreas Kron (Lotto Soudal), Bauke Mollema (Trek-Segafredo), Michael Woods, Hugo Houle (Israel-Premier Tech) e Nick Schultz (Team BikeExchange-Jayco). Intanto in gruppo sul Col de Spandelles (10,3 km con una pendenza media dell'8,3%) comincia il forcing dell'UAE Team Emirates: è il preludio all'attacco di Tadej Pogacar (UAE Team Emirates), con Jonas Vingegaard (Jumbo-Visma) che come sempre risponde presente. Per la prima volta si vede all'assalto anche Geraint Thomas (Ineos Grenadiers) prima di essere ripreso dalla solita coppia: la discesa si rivela una trappola prima per Vingegaard, che evita la caduta per un soffio e poi per Pogacar, che invece scivola. La maglia gialla rallenta e aspetta il suo rivale, che lo ringrazia con una stretta di mano: un'immagina destinata a rimanere nella storia del ciclismo. Sulle prime rampe della salita verso Hautacam (13,6 km con una pendenza media del 7,8%) davanti ci sono Van Aert, Martinez e Pinot: gli ultimi due perdono poi contatto, mentre il belga viene agganciato da Vingegaard e Pogacar. Il forcing del duo della Jumbo-Visma manda in crisi lo sloveno: è il preludio al successo della maglia gialla, che mette entrambe le mani sulla vittoria del Tour.

Ordine d'arrivo tappa 18 Tour de France 2022

 

1) Jonas Vingegaard (TJV) in 3h59'50''
2) Tadej Pogacar (UAD) +1'04''
3) Wout Van Aert (TJV) +2'10''
4) Geraint Thomas (IGD) +2'54''
5) David Gaudu (GFC) +2'58''
6) Alexey Lutsenko (AST) +3'09''
7) Daniel Felipe Martinez (IGD) +3'09''
8) Sepp Kuss (TJV) +3'27''
9) Aleksandr Vlasov (BOH) +4'04''
10) Thibaut Pinot (GFC) +4'09''
 

Classifica generale Tour de France 2022

 

1) Jonas Vingegaard (TJV) in 71h53'34''
2) Tadej Pogacar (UAD) +3'26''
3) Geraint Thomas (IGD) +8'00''
4) David Gaudu (GFC) +11'05''
5) Nairo Quintana (ARK) +13'25''
6) Louis Meintjes (IWG) +13'43''
7) Aleksandr Vlasov (BOH) +14'10''
8) Romain Bardet (DSM) +16'11''
9) Alexey Lutsenko (AST) +20'09''
10) Adam Yates (IGD) +20'17''

Leggi anche - Tour de France 2022, la favola di Houle
 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?