Sarzeau, 10 luglio 2018 - La tappa 4 del Tour de France 2018 sembra il terreno perfetto per i velocisti, ma la fuga di giornata viene riassorbita solo nell'ultimo chilometro. A quel punto entrano in scena i soliti uomini: André Greipel parte troppo presto e ne approfittano Peter Sagan ma soprattutto Fernando Gaviria, che eguaglia il risultato di Botero nel 2002, che vinse due frazioni al Tour esattamente come il corridore della Quick-Step Floors. L'ennesima caduta di questa Grande Boucle coinvolge tra gli altri Rigoberto Uran, bravo poi a rientrare in gruppo, e Ilnur Zakarin, che invece perde ben 58''. Non cambia invece la maglia gialla, che per la prima volta in questo Tour resta per due giorni di fila sulle spalle dello stesso corridore: Greg Van Avermaet.

Tour de France 2018, risultati e classifica dopo la tappa 5

Tour de France 2018, tappa 4. Le pagelle di Angelo Costa

Tour de France 2018, tappa 5. Orario tv, percorso e favoriti

LA CRONACA - Dopo le fatiche della cronometro a squadre di ieri, i 195 km da La Baule a Sarzeau sono perfetti per un'altra volata. Ma, come già successo per le altre tappe pianeggianti, pronti via e parte la fuga buona di giornata: a staccarsi dal plotone sono due belgi e due francesi, ovvero Guillaume Van Keirsbulck (Wanty), Jerome Cousin (Direct Energie), Dimitri Claeys e Anthony Perez (Cofidis), che arriveranno ad accumulare un vantaggio massimo di 7'30''. Memore della situazione delle prime tappe, il gruppo forse sottovaluta questo tentativo, che vede il margine degli attaccanti diminuire ma non al punto di ricucire la situazione: manca anche l'accordo tra le formazioni dei velocisti per riacciuffare la fuga e quindi la Quick-Step Floors si mette in proprio a tirare l'inseguimento. A complicare ulteriormente le cose all'interno del plotone c'è una caduta che coinvolge tra gli altri anche Rigoberto Uran e Ilnur Zakarin (che arriverà al traguardo con 58'' di ritardo), ma a poco più di un km dal termine della corsa la fuga viene riassorbita ed entrano in scena i treni dei velocisti. A partire per primo è André Greipel, rimontato prima da Peter Sagan e poi da Fernando Gaviria, che vince la sua seconda tappa in questo Tour finora nero per il Team Katusha, che non riesce a lanciare l'uomo veloce Marcel Kittel e perde anche terreno in classifica con Zakarin.

TOUR2018_32199215_164004

ORDINE DI ARRIVO

1)F. Gaviria (QST) in 4h25'01''
2)P. Sagan (BOH) st
3)A. Greipel (LTS) st
4)D. Groenewegen (TLJ) st
5)M. Kittel (TKA) st
6)A. Pasqualon (WGG) st
7)A. Kristoff (UAD) st
8)J. Degenkolb (TFS) st
9)D. Smith (WGG) st
10)T. Dupont (WGG) st

CLASSIFICA GENERALE

1)G. Van Avermaet (BMC) in 13h33'56''
2)T. Van Garderen (BMC) a 0
3)G. Thomas (SKY) a 3''
4)Ph. Gilbert (QST) a 5''
5)J. Alaphilippe (QST) a 7''
6)B. Jungels (QST) a 7''
7)T. Dumoulin (SUN) a 11''
8)S. Kragh Andersen (SUN) a 11''
9)M. Matthews (SUN) a 11''
10)R. Uran (EFD) a 35''