Simon Yates trionfa nella Tirreno Adriatico 2020 (Ansa)
Simon Yates trionfa nella Tirreno Adriatico 2020 (Ansa)

Bologna, 9 marzo 2021 - Archiviata la Strade Bianche 2021, che ha visto il successo di Mathieu Van Der Poel, i riflettori si spostano sulla Tirreno-Adriatico 2021, che nella sua edizione numero 56 proporrà ai corridori 1109,1 km divisi in 7 tappe che condurranno la carovana da Lido di Camaiore a San Benedetto del Tronto.

I favoriti

Saranno 5 (Toscana, Umbria, Lazio, Abruzzo e Marche) le regioni toccate dalla Corsa dei Due Mari, che incoronerà il successore di Simon Yates: a dare l'assalto al britannico del Team BikeExchange ci saranno tra gli altri Tadej Pogacar (UAE Team Emirates), Egan Bernal, Geraint Thomas (Ineos Grenadiers), Vincenzo Nibali (Trek-Segafredo) e Nairo Quintana (Team Arkéa-Samsic). Se questi ultimi due hanno già trionfato nella Tirreno-Adriatico per ben due volte a testa, la gloria la cercano anche corridori ancora a secco come Jakob Fuglsang (Astana-Premier Tech), Mikel Landa (Bahrain Victorious), Romain Bardet (Team DSM), Thibaut Pinot (Groupama-FDJ), Michael Woods (Israel Start-Up Nation) e Joao Almeida (Deceuninck-Quick Step).

Gli altri partecipanti

Non solo chi andrà a caccia del successo finale: alla Tirreno-Adriatico si vedrà anche Mathieu Van Der Poel (Alpecin-Fenix), fresco vincitore della Strade Bianche e della prima tappa dell'UAE Tour. L'olandese dovrà vedersela anche con il suo acerrimo rivale Wout Van Aert (Jumbo-Visma) e col campione iridato Julian Alaphilippe (Deceuninck-Quick Step), senza dimenticare Peter Sagan (Bora-Hansgrohe) e Greg Van Avermaet (AG2R Citroen Team). Nutrita anche la schiera dei velocisti, tra i quali ci saranno Caleb Ewan (Lotto Soudal), Fernando Gaviria (UAE Team Emirates), Davide Ballerini (Deceuninck-Quick Step), Elia Viviani (Cofidis) e, spostandosi alle cronometro, Filippo Ganna (Ineos Grenadiers), che cercherà di far sua la tappa finale di San Benedetto del Tronto proprio come successo nella scorsa edizione.

 

Il percorso

 

 

Tappa 1 (mercoledì 10 marzo 2021)

 

Lido di Camaiore-Lido di Camaiore (156 km). Frazione dedicata ai velocisti, che prima di sfidarsi dovranno percorrere due circuiti: il primo è lungo 90 km e comprende 3 passaggi sul Monte Pitoro, mentre il secondo condurrà per 3 volte i corridori da Pietrasanta a Lido di Camaiore.

 

 

Tappa 2 (giovedì 11 marzo 2021)


Camaiore-Chiusdino (202 km). Frazione mossa specialmente nella seconda parte quando, superata la pianura pisana, si entra nel senese affrontando tanti saliscendi (in particolare tra Rosia, Casciano di Murlo e Monticiano) prima di scalare il GPM di Poggio alla Croce e quello finale ricco di tornanti che conduce a Chiusdino.

 

Tappa 3 (venerdì 12 marzo 2021)


Monticiano-Gualdo Tadino (219 km). La frazione più lunga della Tirreno-Adriatico proporrà alla carovana un solo GPM, quello di Poggio della Croce, posto al km 138 di corsa: prima i corridori affronteranno tanti saliscendi per uscire dalla Toscana ed entrare in Umbria, dove è fissato l'arrivo di Gualdo Tadino. Le insidie vere, in una seconda parte di tappa in costante ascesa, si nascondono nell'ultimo km, con una pericolosa svolta a sinistra e una pendenza del 4% sul rettilineo finale.

 

 

 

Tappa 4 (sabato 13 marzo 2021)


Terni-Prati di Tivo (148 km). L'arrivo sul GPM di Prati di Tivo, con i suoi 1450 metri sul livello del mare, sarà il più alto di questa Tirreno-Adriatico: si tratta di una salita di 14,5 km al 7% di pendenza media con punte del 12% e ben 22 tornanti. Prima ancora la carovana dovrà scalare il Passo Capannelle, seguito da quasi 30 km in discesa che precederanno l'ultima fatica di giornata.

 

 

Tappa 5 (domenica 14 marzo 2021)


Castellalto-Castelfidardo (205 km). L'approdo sulla costa adriatica arriva nel segno di 100 km pianeggianti e semplici, a cui segue l'ingresso nel circuito di circa 23 km da ripetere 4 volte. Gli spauracchi sono i 5 GPM in programma e in generale i tanti muri da percorrere, con pendenze che toccheranno anche il 18%.

 

 

Tappa 6 (lunedì 15 marzo 2021)


Castelraimondo-Lido di Fermo (169 km). L'unico GPM da percorrere, quello di Monte San Giusto, non sembra un ostacolo grande per chi vorrà alzare le braccia al cielo a Lido di Fermo, dove si arriverà dopo aver completato un circuito formato da un giro grande e 4 piccoli.

 

 

 

Tappa 7 (martedì 16 marzo 2021)

 

 


San Benedetto del Tronto-San Benedetto del Tronto (10,1 km). Il percorso della consueta cronometro conclusiva è inedito, in quanto si partirà dallo Stadio delle Palme per poi passare sotto la ferrovia, dopodiché la carovana sarà sulle strade classiche ma in direzione opposta. Per chi vorrà insidiare il campione iridato della specialità Filippo Ganna, che vinse questa frazione nella scorsa edizione, le principali insidie saranno nascoste negli ultimi 3 km, dove saranno presenti diverse svolte ad angolo retto oltre a una doppia curva nei 300 metri conclusivi.

Leggi anche - Parigi-Nizza 2021, il percorso e i favoriti