L'altimetria della quattordicesima tappa
L'altimetria della quattordicesima tappa

Pas de Peyrol, 12 settembre 2020 – Dopo il primo grande arrivo in salita del Tour de France 2020 a Pas de Peyrol, oggi per la tappa 14 l’altimetria presenta ancora qualche spunto interessante,  anche se per i big non dovrebbe essere un percorso favorevole ad attacchi. I grandi della classifica potrebbero concedersi una 'pausa' dalle fatiche che hanno messo in difficoltà Egan Bernal, lanciando ancora di più la coppia slovena formata dalla maglia gialla Primoz Roglic (Jumbo Visma) e da Tadej Pogacar (Uae Emirates).

Tour de France, tappa 15. Orari tv, percorso e favoriti

Tour de France 2020, classifica dopo la tappa 14. Capolavoro Sunweb: i risultati

Tappa 13: acuto di Martinez

Il percorso

In programma la Clermont Ferrand-Lione di 194 chilometri e 5 Gpm, per una frazione che strizza l'occhio ai coraggiosi che vorranno lanciare una fuga da lontano. L’avvio di tappa infatti è difficile, dopo il quarta categoria de la Cote d’Aulteribe, c’è il seconda categoria del Col du Beal, 10 chilometri al 5.6% situato a 120 chilometri dall’arrivo. Sarà trampolino di lancio per fughe. Dopo 10 chilometri di discesa si sale ancora verso la Cote de Courreau, altri 4 chilometri al 5.7%. Fino a qui terreno per attacchi da lontano e magari qualche velocista più bravo in salita potrebbe indurre la propria squadra a un ritmo adatto a staccare i rivali. Seconda parte di tappa più semplice, lungo tratto di discesa fino al chilometro 123, poi si sale costantemente per 15 chilometri, non catalogati come Gpm, con pendenze lievi fino a Duerne, chilometro 150 di corsa. Seguono venti chilometri in leggera discesa per affrontare gli ultimi due denti, Cote de la Duchere di 1.4 chilometri al 5.6% e Cote de la Croix Rousse di 1.4 chilometri al 5.8% situato a 5 dal traguardo. Ultimi due chilometri in leggera discesa.

Favoriti

L’altimetria iniziale dovrebbe favorire una fuga, ma le squadre dei velocisti dovrebbero rientrare nella seconda parte di gara. Attenzione ai due strappetti finali, qualche scattista, Hirschi o Alaphilippe, per esempio, potrebbero tentare la sparata finale sorprendendo le ruote veloci. Dovesse partire la fuga, le speranze azzurre sono aggrappate ad Alessandro De Marchi e Alberto Bettiol. Se sarà invece arrivo in volata occhio ai soliti Bennett, Sagan, Ewan, Greipel e Van Aert. Per gli italiani ci sono i soliti Viviani e Trentin

Orari tv

Diretta a pagamento su Eurosport 1, canale 210, dalle 13 e in streaming su Eurosport Player e Dazn, diretta in chiaro su Rai Due a partire dalle 14 e in streaming su Raiplay.it