Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
20 giu 2022

Mondiali nuoto 2022, medagliere: Ceccon e Pilato da sballo. Quadarella, che delusione

Altre due medaglie d'oro per la nostra spedizione ai Mondiali di nuoto in corso di svolgimento a Budapest. Lacrime invece per Simona Quadarella, solo quinta nei 1500 stile libero

20 giu 2022
francesco bocchini
Sport
Italy's Thomas Ceccon celebrates after taking gold and setting a new world record in the men's 100m backstroke finals during the Budapest 2022 World Aquatics Championships at Duna Arena in Budapest on June 20, 2022. (Photo by Ferenc ISZA / AFP)
Thomas Ceccon (Ansa)
Italy's Thomas Ceccon celebrates after taking gold and setting a new world record in the men's 100m backstroke finals during the Budapest 2022 World Aquatics Championships at Duna Arena in Budapest on June 20, 2022. (Photo by Ferenc ISZA / AFP)
Thomas Ceccon (Ansa)

Budapest, 20 giugno 2022 - E' stata una giornata storica per il nuoto italiano. Di quelle che capitano davvero di rado e per questo da ricordare. Nel giro di meno di un'ora sono arrivati due ori mondiali dalla Duna Arena di Budapest, dove già ieri Nicolò Martinenghi si era preso la corona iridata di campione dei 100 metri rana. A imitarlo ci hanno pensato nel pomeriggio prima Thomas Ceccon nei 100 metri dorso, con tanto di record mondiale in 51"60, poi Benedetta Pilato, che nei 100 metri rana ha chiuso davanti a tutte con il tempo di 1'05"93. Due risultati fantastici per la nostra spedizione, che può guardare ai prossimi giorni di gare con grande ottimismo.

Mondiali nuoto 2022: gli italiani da seguire il 22 giugno

Lacrime per Quadarella

I successi di Ceccon e Pilato hanno fatto passare in secondo piano la delusione, con tanto di lacrime, di Simona Quadarella, solo quinta nella finale dei 1500 metri stile libero con 16'03"84. A imporsi è stata la statunitense Katie Ledecki. "Non so cosa sia successo, sono stata irriconoscibile fin dall’inizio, non ero io - ha detto la classe '98, che ha mancato la difesa del titolo vinto tre anni fa a Gwangju - E' stato un incubo. Ieri stavo benissimo: in batteria avevo nuotato bene e anche in allenamento avvertivo buone sensazioni. Il podio era sicuramente alla mia portata. Adesso devo resettare e pensare agli 800 sperando in un esito diverso"

Leggi anche: Minisini-Ruggiero oro nel sincronizzato

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?