Milano-Sanremo 2019, percorso e altimetria
Milano-Sanremo 2019, percorso e altimetria

Milano, 22 marzo 2019 – Dopo una lunga attesa invernale, la stagione delle classiche di primavera parte domani con la Milano-Sanremo 2019: 291 chilometri dal capoluogo lombardo alla costa ligure, sul classico percorso che da sempre contraddistingue la prima vera gara di un giorno dell'anno. Si festeggiano i 110 anni della corsa che collegherà Milano con Sanremo passando attraverso Pavia, Ovada, il Passo del Turchino per poi scendere verso Genova procedendo per Varazze, Savona, Albenga e Imperia, da lì in avanti la classica sequenza di capi finali verso Sanremo.

Il primo sarà il Capo Mele al chilometro 239, poi subito il Capo Cervo e infine il Capo Berta al chilometro 252. La penultima asperità sarà di consueto la Cipressa, inserita nel 1982, ma come sempre sarà il Poggio a decretare un possibile arrivo in solitaria. La salita inizia a 9 dal traguardo per una lunghezza di 3.7 chilometri con una pendenza media del 4% e massima dell’8%. Come sempre, il Poggio presenta una carreggiata ristretta con 4 tornanti insidiosi che, per la velocità del passaggio, potrebbe costringere i corridori anche a frenare. Una volta scollinati c’è la discesa, tecnica e piena di tornanti che potrebbe favorire chi eventualmente è in fuga. Ultimi 2 chilometri rettilinei con un ultima curva a 750 metri dal traguardo.

Milano-Sanremo, gli ultimi chilometri

La start list

ORARI TV E FAVORITI – Partenza da Milano alle 10.10, passaggio dal Passo del Turchino attorno alle 13.30, Capo Mele tra le 15.35 e le 16.08, Capo Cervo tra le 15.41 e le 16.15, Capo Berta tra le 15.54 e le 16.29, poi la Cipressa tra le 16.19 e le 16.57, Poggio tra le 16.40 e le 17.20, arrivo previsto a Sanremo tra le 16.46 e le 17.27. Diretta Rai Due dalle 14, disponibile anche in streaming sul sito Raiplay, e Eurosport 1 dalle 14.30, canale 210 di Sky, disponibile anche su Eurosport Player. Per i bookmakers il favorito numero uno è Peter Sagan, seguito a ruota da Julian Alaphilippe e Elia Viviani, possibili outsiders Ewan, Gaviria e Bennett per un arrivo in volata, più defilati Kwiatkowski, Valverde e Van Avermaet. Difficile un bis di Vincenzo Nibali, lo squalo non è al top della forma ricordando l’impresa dell’anno scorso con scatto sul Poggio e arrivo in solitaria a Sanremo. Per quanto riguarda gli altri italiani, occhi su Matteo Trentin e Alberto Bettiol.