Marco Orsi oro nei 100 misti (Afp)
Marco Orsi oro nei 100 misti (Afp)

Kazan, 7 novembre 2021 - Marco Orsi è campione europeo dei 100 misti. Il 30enne 'Bomber di Budrio' ha conquistato la medaglia d'oro nell'ultima giornata dei Campionati europei in vasca corta di Kazan in Russia. L'azzurro ha fatto segnare 50"95, nuovo record italiano, piazzandosi davanti al greco Andreas Vazaios (51"72) e l'austriaco Bernhard Reitshammer (51"91). 

"Non pensavo di scendere sotto i 51 secondi. Sono andato fortissimo subito, in acqua mi sentivo alla grande, sciolto e potente. Devo ringraziare la mia società e chi ha sempre creduto in me: in primis il mio allenatore Odaldi. So che non sono più giovane ma ho dimostrato di poter dire ancora la mia in mezzo a tutti questi giovani emergenti", così Orsi dopo l'oro. "Per me è una medaglia che vale tantissimo che si somma alle altre conquistate con le staffette", spiega ancora il tesserato Fiamme Oro - Circolo Nuoto Uisp Bologna. "Voglio fare i complimenti alla Federazione Italiana Nuoto, non ho mai visto tutti questi talenti come in questo periodo: il nuoto italiano è in buone mani e ha un futuro radioso".

Ma è tutta la spedizione italiana da libri dei record. Dopo l'ultima giornata di gare ci si ritrova con il miglior bottino continentale di sempre, con 7 ori e un totale di 35 medaglie (Anche 18 argenti e 10 bronzi). Nessuno come gli azzurri, nemmeno i padroni di casa, primi nel medagliere, ma con  complessivamente 24 medaglie in tutto. Un'ultima giornata da incorniciare con gli acuti di Orsi, Paltrinieri e Castiglioni, e tanto altro.

Super Gregorio Paltrinieri che conquista l'oro negli 800 stile libero in 7'27"94, toccanDo di un soffio prima del tedesco Wellbrock (7'27"99). Medaglia di bronzo all'altro tedesco, Schwarz. "Chi se lo aspettava di vincere l'oro con il record europeo, di tenere testa a Wellbrock in questo momento e di batterlo in volata. Le ultime volte mi aveva bastonato, mi sono preso una piccola, bella rivincita" ha la soddisfazione dipinta sul viso Paltrinieri. "Merito del lavoro svolto con Fabrizio Antonelli in questi anni, che mi è servito a migliorare nello sprint. E' stata una gara bellissima, quelle che mi piacciono e motivano; vasca dopo vasca mi sono esaltato. Negli ultimi 100 metri mi sono ritrovato con un'energia pazzesca addosso e sono stato cattivo, freddo e lucido". E conclude: "In questo momento, credo che siamo la Nazionale più forte d'Europa, sicuramente la più completa".

Oro per Arianna Castiglioni e argento per Benedetta Pilato nei 50 rana femminili. Per Castiglioni è il primo titolo continentale della carriera. La 24enne finanziera di Busto Arsizio ha concluso in 29"66. La 16enne di Taranto invece ha toccato in 29"75. Bronzo alla russa Nika Godun (29"80). "Onestamente il tempo non è granché ma in finale contano testa e coraggio, più del crono: sono stata lucida. E' un oro che mi gasa molto, perché in questi giorni ero un po' giù di morale", le parole di Arianna Castiglioni dopo l'oro. Seconda la tarantina Benedetta Pilato: "Tempo alto ma è normale. Mi manca un po' di brillantezza. Non avevo molto di più da dare. Va benissimo l'argento e la conferma su un podio internazionale". 

Alessandro Miressi è argento nei 100 stile libero. L'azzurro ha chiuso secondo in 45"84 dietro al russo Lolesnikov (45"58). Bronzo per l'altro atleta russo Grinev (46"06).

Un bronzo invece arriva nei 50 rana maschili dal lombardo Nicolò Martinenghi, giunto terzo in 25"54 dietro al bielorusso Ilya Shymanovich (25"25), oro, e al turco Emre Sakci, argento. Quarto tempo per Fabio Scozzoli.

C'è anche spazio nella bacheca azzurra per la doppietta nei 200 dorso maschili: Lorenzo Mora, 23 anni di Reggio Emilia, ha conquistato la medaglia d'argento (in 1'49"63, primo italiano di sempre a scendere sotto il muro dell'1'50") e Michele Lamberti, bresciano 21enne, il bronzo (in 1'50"26). L'oro è andato Radoslaw Kawecki con il tempo di 1'48"46.

Argento anche per Alberto Razzetti nella finale dei 400 misti. Il nuotatore ligure migliora il record italiano in 4"00"34. Vince il russo Ilya Borodin che chiude in 3'58"83 e ritocca il record del mondo juniores. Bronzo per l'ungherese Kos. Quinto Pier Andrea Matteazzi.

Europeo da dimenticare per Simona Quadarella, campionessa uscente, e solo quinta nei 400 stile libero. La nuotatrice per oltre metà gara è stata in zona medaglie. Ma alla fine è quinta con 4'02"10. La nuova campionessa europea è la russa Anastasia Kirpichnikova (3'59"18) davanti alla connazionale Anna Egorova (4'00"52) e alla tedesca Isabel Marie Gose (4'01"37).

Silvia Di Pietro è bronzo nei 50 farfalla. L'azzurra ha toccato in 25"09, ex aequo con la greca Anna Ntountounaki. Oro alla svedese Sarah Sjoestroem: in 24"50, con anche il primato dei campionati. Argento all'olandese Maaike De Waard (24"97). Sesta Elena Di Liddo (25"43). 

L'ultima medaglia azzurra è l'argento nella staffetta 4×50 mixed mista. Nella gara conclusiva degli Europei l'Italia di Lamberti, Martinenghi, Di Liddo e Di Pietro ha chiuso in 1'36"39 dietro l'Olanda, che ha stabilito il nuovo record del mondo (1'36"18), e davanti alla Russia (1'36"42).