Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
4 ott 2020

Liegi Bastogne Liegi 2020, Alaphilippe mani al cielo. E Roglic lo beffa

Clamoroso errore del francese, che esulta troppo presto e poi viene anche declassato per una scorrettezza su Hirschi. Lo svizzero sul podio insieme a Pogacar

4 ott 2020
giusy anna maria d'alessio
Sport
epa08720470 (L-R) Slovenian Primoz Roglic of Jumbo-Visma team, Road cycling World champion French rider Julian Alaphilippe of Quick-Step team and Swiss Marc Hirschi of Sunweb team cross the finish line during the Liege Bastogne Liege one day classic cycling race in liege, Belgium, 04 October 2020.  EPA/JULIEN WARNAND
Alaphilippe alza le braccia, ma vince Roglic (Ansa)
epa08720470 (L-R) Slovenian Primoz Roglic of Jumbo-Visma team, Road cycling World champion French rider Julian Alaphilippe of Quick-Step team and Swiss Marc Hirschi of Sunweb team cross the finish line during the Liege Bastogne Liege one day classic cycling race in liege, Belgium, 04 October 2020.  EPA/JULIEN WARNAND
Alaphilippe alza le braccia, ma vince Roglic (Ansa)

Liegi, 4 ottobre 2020 - La Liegi-Bastogne-Liegi 2020 si accende negli ultimi km, quando Julian Alaphilippe apre le danze con un attacco che spezza il gruppo: sul traguardo è proprio il fresco Campione del Mondo ad alzare le braccia al cielo, ma in realtà il fotofinish assegna la vittoria a Primoz Roglic, protagonista di un poderoso colpo di reni. Per Alaphilippe, che viene anche retrocesso al quinto posto per una scorrettezza commessa ai danni di Marc Hirschi, arriva una beffa clamorosa che ha del comico, mentre Roglic, che aveva perso un Tour già vinto, oggi vince una Liegi già persa ed è il primo sloveno a farlo: un piccolo grande risarcimento dopo la delusione di poche settimane fa.

Dopo poche pedalate si avvantaggiano Inigo Elosegui (Movistar), Kobe Goossens (Lotto Soudal), Michael Schar (CCC), Kenny Molly, Mathijs Paasschens (Bingoal WB), Omer Goldstein (Israel Start-Up Nation), Valentin Ferron, Paul Ourselin (Total Direct Energie) e Gino Mader (NTT). Intanto il gruppo è scosso dalle cadute tra gli altri di Maximilian Schachmann, Adam Yates e Greg Van Avermaet: questi ultimi due sono costretti addirittura a ritirarsi. Non va meglio a Mikel Landa, alle prese con una foratura e Chris Froome, che si stacca sulla Cote de Wanne (4 km al 5,7%). A finire sull'asfalto poco dopo sono anche Tadej Pogacar, Damiano Caruso, Warren Barguil e Julian Alaphilippe, vittima di con vari problemi meccanici, mentre davanti intanto, sul Col du Rosier (4 km al 5,9%), resta il solo Schar. La corsa si accende sull'ultima salita di giornata, la Cote de la Roche-aux-Faucons (1 km all'11%), con Alaphilippe che sferra il primo attacco: alla ruota del fresco Campione del Mondo si portano Marc Hirschi, Pogacar e Primoz Roglic, mentre restano attardati Mathieu Van Der Poel e Michal Kwiaktkowski. L'unico che riesce a ricucire lo strappo è Matej Mohoric, ma ad alzare le braccia al cielo è Alaphilippe. Tutto vano però per il Campione del Mondo, protagonista anche di una manovra poco corretta nei confronti di Hirschi: il francese viene infatti retrocesso al quinto posto, mentre esulta, stavolta per davvero, Roglic, che così si regala un sorriso dopo la grande delusione del Tour de France.

Ordine d'arrivo Liegi-Bastogne-Liegi 2020

1) Primoz Roglic (TJV) in 6h32'02''
2) Marc Hirschi (SUN) st
3) Tadej Pogacar (UAD) st
4) Matej Mohoric (TBM) st
5) Julian Alaphilippe (DQT) st
6) Mathieu Van Der Poel (AFC) +14''
7) Michael Woods (EF1) +14''
8) Tiesj Benoot (SUN) +14''
9) Warren Barguil (ARK) +14''
10) Michal Kwiatkowski (IGD) +14''

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?