Luca De Aliprandini in azione ad Adelboden (Ansa)
Luca De Aliprandini in azione ad Adelboden (Ansa)

 

Bologna, 10 gennaio 2022 – Solo paura per la dinamica, ma nessuna conseguenza grave. Luca De Aliprandini se l’è cavata dopo la brutta inforcata nel gigante di Adelboden al termine della prima manche che stava conducendo con grande autorità tanto da insidiare la vetta di Marco Odermatt. All’ingresso del muro inforcata e poi caduta nelle reti con una torsione della gamba che ha spaventato, ma fortunatamente sono stati esclusi infortuni gravi.

Sport Invernali, il programma settimanale di sci e biathlon

Solo distorsione alla caviglia

Dopo i primi accertamenti in Svizzera che avevano escluso fratture, la commissione medica Fisi ha effettuato nuovi esami confermando solo una distorsione alla caviglia: “Luca De Aliprandini è stato sottoposto a risonanza magnetica presso la clinica La Madonnina di Milano ed è stato valutato dalla Commissione medica FISI – si legge nel comunicato - La risonanza ha escluso definitivamente fratture. Il vicecampione del mondo, nella caduta del gigante di Adelboden, ha riportato una distorsione alla caviglia sinistra. Ora si sottoporrà ad un percorso riabilitativo, ma la sua presenza alle Olimpiadi di Pechino non è in dubbio".

Leggi anche - Slalom Adelboden, vince Strolz, settimo Vinatzer