12 mar 2022

golf TPC nuovo stop per il maltempo

Il torneo più ricco della stagione del PGA Tour è stato nuovamente interrotto a causa del meteo avverso che sta interessando la Florida.

TPC Sawgrass buca 17
TPC Sawgrass buca 17

In Florida il maltempo ferma ancora il The Players Championship di golf che non si concluderà prima di lunedì 14 marzo. Il torneo più ricco del PGA Tour, che mette in palio 20.000.000 di dollari (di cui 3.600.000 andranno al vincitore), a Ponte Vedra Beach procede a singhiozzo tra temporali, pericolo di fulmini e un nuovo stop. Al TPC Sawgrass (Stadium Course, par 72), sono 47 - su un totale di 143 - i concorrenti che non hanno ancora completato le prime 18 (su un totale di 72) buche. Tra questi anche molti big quali, tra gli altri, gli americani Collin Morikawa (numero 2 mondiale, attualmente 80/o nel torneo e sul par dopo 15 buche giocate) e Justin Thomas (33/o e sul "-2" alla 15), campione in carica, oltre al nordirlandese Rory McIlroy (suo il torneo nel 2019), 97/o con "+1" alla 16.

PRIMO GIRO: In Florida, il primo round del The Players Championship di golf lo "vince" il maltempo. A Ponte Vedra Beach, il faraonico torneo del PGA Tour - che mette in palio un montepremi di 20.000.000 di dollari, di cui 3.600.000 andranno al vincitore - è prima iniziato con un'ora di ritardo.Poi, a causa delle difficili condizioni metereologiche (tra forte pioggia e pericolo di fulmini), è stato sospeso per quattro ore e quattordici minuti. Dunque, il gioco è ripreso prima di essere fermato nuovamente per l'arrivo dell'oscurità.Tra quelli che sono partiti la mattina, hanno concluso il primo round 69 tra 72 concorrenti (ad eccezione di Hank Lebioda, Henrik Norland e Taylor Pendrith). Discorso diverso per quelli del pomeriggio, dove nessuno ha ultimato il giro, con 12 giocatori che non lo hanno neanche iniziato.

Al TPC Sawgrass (Stadium Course, par 72), buona prova per Francesco Molinari. Unico azzurro in gara, il torinese (che in questo appuntamento ha ottenuto quattro Top 10) è momentaneamente 19/o con uno score di 70 (-2). Dopo un bogey alla buca 1, ha chiuso le prime nove con otto par. Quindi, nelle seconde nove ha cambiato marcia realizzando quattro birdie (di cui tre consecutivi dalla 15 alla 17) e pagando a caro prezzo un bogey alla 18. Uno dei protagonisti assoluti del primo atto (spezzettato) della competizione è stato l'inglese Tommy Fleetwood che, in coppia con Chicco Molinari, alla Ryder Cup 2018 di Parigi ha trascinato l'Europa al successo. Il britannico, con un parziale di 66 (-6), condivide la vetta della classifica con l'americano Tom Hoge. Fleetwood, 31enne di Southport che in 92 partenze non ha ottenuto neanche un successo sul PGA Tour, ha eguagliato il suo secondo score più basso in carriera al The Players Championship (solo nel 2019 era riuscito a far meglio con un 65) con sette birdie e un bogey. Cinque birdie, un eagle e un bogey per Hoge, 32enne di Statesville (North Carolina) che, lo scorso febbraio, ha festeggiato il primo exploit in carriera sul circuito facendo suo l'AT&T Pebble Beach Pro-Am.

Inizio convincente pure gli statunitensi Kramer Hickock e Keith Mitchell, terzi con 67 (-5) al pari del cileno Joaquin Niemann e dell'indiano Anirban Lahiri. Non ha deluso le attese lo spagnolo Jon Rahm. Il numero 1 mondiale è infatti 11/o con 69 (-3) dopo un giro con 5 birdie e due bogey. Tutto da giocare il primo round di Collin Morikawa (secondo nel world ranking), 40/o con "-1" e appena due buche ultimate, così come quello di Justin Thomas (campione in carica), 68/o (par dopo due). E' stato invece costretto a ritirarsi all'ultimo momento, per un infortunio alla schiena, il giapponese Hideki Matsuyama (re del The Masters nel 2021).

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?