Andy Sullivan
Andy Sullivan

SECONDO GIRO: Un gran giro in 62 (-9) colpi, miglior score di giornata, per un totale di 128 (66 62, -14) e l’inglese Andy Sullivan si è preso la leadership nell’English Championship, il terzo dei sei tornei denominati “UK Swing” con cui l’European Tour è ripartito dopo lo stop per l’emergenza sanitaria. Sul percorso dell’Hanbury Manor Marriott Hotel & Country Club (par 71), a Ware in Inghilterra, sono tra media e bassa classifica Renato Paratore (69 67) e Andrea Pavan (68 68), 43.i con 136 (-6), e Lorenzo Gagli, 60° con 137 (68 69, -5), mentre sono usciti al taglio Guido Migliozzi, 74° con 138 (69 69, -4), e Francesco Laporta, 89° con 139 (69 70, -3).

Andy Sullivan, 33enne di Nuneaton con tre titoli tutti datati 2015 che gli valsero il posto nel team Europe alla Ryder Cup 2016, ha iniziato a buon passo con tre birdie e un bogey sulle prime nove buche, poi è letteralmente volato sulle seconde nove in cui ha realizzato sette birdie. Prodezza che, però, gli ha concesso solo un colpo di vantaggio sul connazionale Laurie Canter e sul sudafricano Dean Burmester (129, -13). In quarta posizione con 131 (-11) nove concorrenti tra i quali lo spagnolo Adrian Otaegui, il belga Nicolas Colsaerts, il sudafricano Brandon Stone e l’australiano Min Woo Lee, fratello di Minjee Lee, numero otto del Rolex Ranking femminile. Hanno perso terreno il 19enne danese Rasmus Hojgaard, da 8° a 13° con 132 (-10), che ha ottenuto due top ten nelle precedenti due gare “UK Swing”, e il nordirlandese Cormac Sharvin, da primo a 16° con 133 (--9). Ha tenuto l’iberico Miguel Angel Jimenez, 23° con 134 (-8), 56enne di Malaga con 21 titoli, dei quali 14 conseguiti dopo i 40 anni, e alla gara n. 708 sul circuito, nuovo record in materia strappato allo scozzese Sam Torrance (706). Poco dietro l’inglese Lee Westwood, 31° con 137 (-7), che ha rinunciato a disputare l’US PGA Championship, major in corso negli States, e il danese Thorbjorn Olesen, stesso punteggio di Pavan e Paratore, a cui l’European Tour ha revocato la sospensione in attesa che venga giudicato dalla giustizia inglese il 6 dicembre 2021.

Paratore ha messo insieme sei birdie e due bogey per il 67 (-4), mentre Pavan, che era salito in alta graduatoria dopo 16 buche in cui aveva segnato un eagle, cinque birdie e un bogey, ha vanificato quanto aveva pazientemente costruito con la sequenza doppio bogey-bogey a chiudere (68, -3). Per Gagli 69 (-2) colpi con due birdie e sedici buche in par. Il montepremi è di un milione di euro con prima moneta di 158.825 euro.

Si gioca a porte chiuse con i giocatori e tutti gli altri addetti ai lavori sottoposti ai test per il Covid-19 dagli specialisti della Cignpost e nel pieno rispetto delle distanze sociali e delle rigide norme di sicurezza dettate dalla Health Strategy.

PRIMO GIRO: Il nordirlandese Cormac Sharvin conduce con 63 (-8) colpi nell’English Championship, il terzo dei sei tornei denominati “UK Swing” con cui l’European Tour è ripartito dopo la lunga pausa per la pandemia. Il 27enne di Downpatrick, senza titoli nel circuito, autore di dieci birdie e di due bogey, si è lasciato alle spalle nelle ultime battute un sestetto con 64 (-7) composto da Scott Vincent dello Zimbabwe, dal belga Thomas Detry, dagli inglesi Laurie Canter e David Howell e dagli australiani Jason Scrivener e Min Woo Lee, quest’ultimo fratello di Minjee Lee, numero otto del Rolex Ranking femminile.,

Sul percorso dell’Hanbury Manor Marriott Hotel & Country Club (par 71), a Ware in Inghilterra, gli azzurri sono a metà classifica: Lorenzo Gagli e Andrea Pavan, 51.i con 68 (-3), Renato Paratore, Guido Migliozzi e Francesco Laporta, 70.i con 69 (-2).

Tra i concorrenti all’ottavo posto con 65 (-6) il 19enne danese Rasmus Hojgaard, due top ten nei precedenti due tornei, e lo spagnolo Adrian Otaegui e sono al 20° con 66 (-5) l’inglese Lee Westwood, che ha rinunciato all’US PGA Championship, il major in corso, il danese Thorbjorn Olesen, riammesso alle gare dall’European Tour in attesa del processo che subirà in Inghilterra (6 dicembre 2021), e l’iberico Miguel Angel Jimenez, ancora una volta in evidenza e alla gara n. 708 sul circuito, nuovo record in materia strappato allo scozzese Sam Torrance (706).

Gagli ha realizzato sei birdie e tre bogey, Pavan sette birdie e quattro bogey, Paratore sei birdie e quattro bogey. Per Migliozzi tre birdie e un bogey e per Laporta quattro birdie e due bogey.

Obiettivo di Paratore, vincitore del British Masters due settimane addietro, entrare nel field dell’US Open, il major in programma al Winged Foot GC di Mamaroneck (New York) dal 17 al 20 settembre, dove si arriva attraverso l’ordine di merito relativo agli eventi del “UK Swing”. Vi accederanno i primi dieci classificati, non altrimenti esenti, dopo il quinto (Wales Open, 20-23 agosto).