Guido Migliozzi
Guido Migliozzi

Un parterre di 156 giocatori di cui 95 con almeno un successo sull’European Tour per un totale di 326 vittorie. E’ un field di assoluto livello quello del DS Automobiles 78° Open d’Italia che, dal 2 al 5 settembre, al Marco Simone Golf & Country Club di Guidonia Montecelio (Roma), teatro della Ryder Cup 2023, vedrà sfidarsi tanti campioni internazionali. Tra questi tre campioni Major: Francesco Molinari, Henrik Stenson e Martin Kaymer che, insieme a Luke Donald, è tra i due ex numeri 1 al mondo in campo. 

Nella Città Eterna Chicco Molinari inseguirà il terzo successo nel torneo, dopo quelli arrivati nel 2006 e nel 2016, per diventare il primo giocatore italiano a riuscire in questa impresa. “E’ sempre bello essere qui, ancora di più dopo l’assenza del 2020. Ma devo essere realista, il principale obiettivo dopo l’infortunio alla schiena che ha condizionato il mio 2021 ora è quello di ritrovare la forma migliore e la continuità, anche negli allenamenti”. Queste le dichiarazioni del campione torinese intervenuto in conferenza stampa nel Media Center del DS Automobiles 78° Open d’Italia.

Ad anticipare il prestigioso torneo dell’European Tour sarà domani, mercoledì 1 settembre, la Rolex Pro-Am che vedrà tanti big del DS Automobiles 78° Open d’Italia scaldare i motori in vista del via della competizione. Una esibizione show all’insegna anche dell’inclusione sociale con tre giocatori diversamente abili che completeranno il team guidato dall’inglese Donald, tra le star della massima rassegna del golf tricolore. 

Il rinnovato percorso del Marco Simone Golf & Country Club, che ha già entusiasmato i campioni durante le prove campo e che tra due anni ospiterà la 44esima edizione della Ryder Cup, per la prima volta in Italia, verrà ufficialmente inaugurato sempre domani, mercoledì 1 settembre, con un taglio del nastro sul tee della buca 1 alle ore 18:00. Ospite d’onore anche il trofeo ufficiale della Ryder Cup. 

La Rolex Pro-Am anticipa il DS Automobiles 78° Open d’Italia – La Rolex Pro-Am farà da prologo al DS Automobiles 78° Open d’Italia. Saranno 32 le squadre in gara, ognuna composta da un professionista e tre dilettanti con partenze dai tee delle buche 1 e 10. Si giocherà con formula “modified scramble” e allo show prenderanno parte, tra gli altri, tanti personaggi del mondo dello sport e dello spettacolo. Da Mauro Tassotti, vicecampione del mondo con la nazionale italiana di calcio nel 1994, all’attore e regista Claudio Amendola. Sono solo alcuni dei protagonisti della Rolex Pro-Am che vedrà in campo tanti big azzurri del DS Automobiles 78° Open d’Italia. Tra loro ecco Chicco ed Edoardo Molinari, Guido Migliozzi, Renato Paratore e Andrea Pavan. La squadra capitanata da Donald, vincitore in carriera di 7 tornei sul PGA Tour e 5 sull’European Tour, sarà formata da tre giocatori diversamente abili: Stefano Palmieri, Alessandro Petrianni ed Edoardo Biagi. Per una sfida che vedrà l’inclusione sociale, punto imprescindibile del Progetto Ryder Cup 2023, protagonista. 

Francesco Molinari torna all’Open d’Italia, “è sempre bello essere qui” – “E’ sempre bello essere qui, ancora di più dopo l’assenza del 2020. Ma devo essere realista, il principale obiettivo dopo l’infortunio alla schiena che ha condizionato il mio 2021 ora è quello di ritrovare la forma migliore e la continuità, anche negli allenamenti. Saltare le Olimpiadi di Tokyo non è stato facile così come potrebbe non essere facile saltare la Ryder Cup di settembre 2021 nel Wisconsin. Tutto questo servirà da stimolo verso i Giochi del 2024 di Parigi e verso la Ryder Cup 2023 di Roma. Ora però voglio concentrarmi sul presente e quindi sull’Open d’Italia. Spero in una ottima settimana su un campo, quello del Marco Simone Golf & Country Club, che è davvero bellissimo e stimolante. Alla fine della stagione tirerò poi i bilanci”. Sono le parole di Francesco Molinari durante una conferenza stampa che lo ha visto protagonista al Media Center del DS Automobiles 78° Open d’Italia.  

All’Open d’Italia l’inaugurazione ufficiale del Marco Simone Golf & Country Club, casa della Ryder Cup 2023 - E’ una cornice speciale quella che ospiterà le prossime tre edizioni dell’Open d’Italia e la Ryder Cup del 2023. Completamente rinnovato, il Marco Simone Golf & Country Club verrà inaugurato ufficialmente domani, mercoledì 1 settembre alle ore 18:00, con un taglio del nastro sul tee della buca 1. Pronto con oltre due anni di anticipo dalla Ryder Cup 2023, ha già ospitato l’Open d’Italia nel 1994, quando a imporsi fu l’argentino Eduardo Romero. Eccellenza a livello mondiale la struttura, di proprietà della famiglia Biagiotti, dispone di 27 buche e si trova a soli 17 chilometri dal centro di Roma. Il progetto di restyling, guidato dall’European Golf Design in collaborazione con l’architetto Tom Fazio II, s’è concentrato sulla creazione di un campo da golf pensato appositamente per il pathos dei “match-play” formato Ryder Cup. Ed è stato rimodellato non solo per creare insidie e stimoli per i più forti giocatori del mondo, ma anche per valorizzare il naturale terreno ondulato del paesaggio. Ciò farà sì che gli spettatori godranno di punti di vista impareggiabili dello svolgimento del gioco sul campo e di scorci in lontananza della Città Eterna, comprese visuali spettacolari della Basilica di San Pietro e del Castello di Marco Simone.

Migliozzi e Paratore, le conferenze della vigilia – Mercoledì 1 settembre alle ore 11:00, all’interno del Media Center del DS Automobiles 78° Open d’Italia, è in programma una conferenza stampa che vedrà come protagonista Renato Paratore. Alle 15:00 sarà il turno invece di Migliozzi che, con Paratore, ha rappresentato l’Italgolf nella gara individuale maschile ai Giochi di Tokyo.

I tee times del primo round del DS Automobiles 78° Open d’Italia - Il DS Automobiles 78° Open d’Italia, al Marco Simone Golf & Country Club di Guidonia Montecelio (Roma), casa della Ryder Cup 2023, si aprirà alle ore 7:30 di giovedì 2 settembre con i primi tee shot. Tra i primi big a scendere in campo ecco Migliozzi (miglior azzurro nel world ranking, 69°) che, alle 8:30 del mattino, dalla 10, si troverà di fronte (nel primo e anche nel secondo round) altri due attesi protagonisti: lo svedese Henrik Stenson (medaglia d’argento ai Giochi di Rio de Janeiro 2016 e tra i tre campioni Major in gara) e l’austriaco Bernd Wiesberger, vincitore dell’Open d’Italia nel 2019. Subito dopo (8:40 dalla 10) ecco invece l’inglese Ross McGowan (campione in carica). Al suo fianco ci saranno il connazionale Luke Donald e lo spagnolo Nacho Elvira.

Alle 13:10 (dalla 1) toccherà a Paratore, al sudafricano Justin Harding e all’inglese Andy Sullivan. Venti minuti dopo, alle 13:30 (dalla buca 1), sarà invece il turno di Francesco Molinari che avrà al suo fianco, nei primi due giri, l’inglese Tommy Fleetwood (con cui il torinese ha trascinato il Vecchio Continente al successo alla Ryder Cup 2018 di Parigi) e il danese Rasmus Hojgaard, talento dell’European Tour con tre successi sul circuito in bacheca, l’ultimo dei quali arrivato domenica scorsa all’Omega European Masters, in Svizzera. Alle 13:40, interessante anche il raggruppamento che vedrà protagonisti il britannico Matthew Fitzpatrick, il tedesco Martin Kaymer (numero 1 al mondo nel 2011) e il francese Victor Perez. 

Formula di gara e montepremi – Il torneo si giocherà sulla distanza di 72 buche, 18 al giorno. Dopo i primi due giri il taglio lascerà in gara i primi 65 classificati e gli eventuali pari merito al 65° posto. Il montepremi è di 3.000.000 di euro con prima moneta di 485.330. 

Ingresso gratuito e triplice esposizione televisiva – Nel pieno rispetto delle normative anti Covid-19 l’ingresso al Marco Simone Golf & Country Club sarà gratuito e aperto a tutti, fino al raggiungimento della capienza massima consentita (tutte le informazioni su www.openditaliagolf.eu). Ma il DS Automobiles 78° Open d’Italia vanterà anche una triplice esposizione televisiva – grazie al supporto di Infront, official advisor della FIG – e verrà trasmesso su Rai Sport, Sky Sport e GOLFTV.