Fitzpatrick
Fitzpatrick

Il 31 maggio è la data che segnerà la ripresa degli sport professionistici in Texas. Il via libera è arrivato dal governatore Greg Abbott, che ha fugato ogni dubbio: il PGA Tour conferma quindi la ripartenza per l'11 giugno, senza pubblico, da Fort Worth con il Charles Schwab Challenge. "La sicurezza prima di tutto, ma lo sport deve tornare protagonista", le dichiarazioni del governatore repubblicano che ha fornito così un assist al massimo circuito americano, pronto a tornare ufficialmente sui green senza nessun ostacolo dopo lo stop per l'emergenza coronavirus arrivato lo scorso marzo.

Da Rory McIlroy a Brooks Koepka, da Dustin Johnson a Patrick Reed. Queste alcune delle stelle annunciate del Charles Schwab Challenge. Previsto un field delle grandi occasioni per il torneo del massimo circuito americano che metterà in palio un montepremi di 7.500.000 dollari. Tra i sicuri protagonisti McIlroy, numero uno mondiale. E ancora: i due "vecchi" padroni del ranking, Koepka e Johnson, ora rispettivamente al terzo e quinto posto. In gara, sul percorso del Colonial CC, anche Reed, settimo nelle classifiche mondiali. Ancora incertezza, invece, sulla presenza dei big europei per via delle restrizioni imposte dagli Usa (14 giorni di quarantena) per chi non risiede negli States. Il PGA Tour è al lavoro, col governo federale, per uscire da una impasse che potrebbe penalizzare i migliori golfisti del Vecchio Continente.

In campo anche Fitzpatrick

Un test per il coronavirus fatto ieri grazie allo Sheffield United, l'attesa per i risultati e la speranza di poter partire già venerdì per gli Stati Uniti, con un visto speciale, per essere regolarmente in campo l'11 giugno in Texas dopo una quarantena di 14 giorni. Matthew Fitzpatrick potrebbe essere tra i giocatori europei disposti ad attenersi a tutte le restrizioni previste negli States, per i non residenti, pur di tornare a giocare a golf già nel primo torneo del PGA Tour - dopo lo stop per l'emergenza sanitaria - in programma a Fort Worth.

Dalla sua squadra preferita di calcio, lo Sheffield United, club di Premier League, ha ricevuto l'assist per tornare a mettere la pallina in buca il prima possibile. "Ho avuto la fortuna di poter fare il test per il Covid-19 - ha dichiarato Fitzpatrick al The Telegraph, quotidiano britannico - grazie a mio fratello Matt (anche lui golfista, ndr). Il suo personal trainer ha un rapporto stretto con il medico dello Sheffield e così mi hanno aiutato. Intanto il PGA Tour ha fornito a noi giocatori europei dei moduli per richiedere un visto speciale e ora sono in attesa del via libera. Spero di partire su un volo per Dallas già venerdì 22 maggio, o al più tardi entro domenica 24".

Numero 25 al mondo, Fitzpatrick al contrario di altri big continentali, è chiamato a una scelta da prendere a cuor leggero. Single, senza figli, il 25 di Sheffield è pronto a lasciare temporaneamente la sua casa nello Yorkshire per prenderne una in affitto a Palm Beach, in Florida, almeno fino alla fine d'agosto. Quando probabilmente l'Inghilterra potrebbe mettere fine alle restrizioni per chi proviene dall'estero, evitando così un isolamento di altre 2 settimane una volta tornato a casa.

LPGA, la ripartenza slitta ancora

Mentre il LPGA Korean celebra il successo di Hyun Kyung Park nel KLPGA Championship (primo evento post pandemia) a Yanju, il LPGA Tour, massimo circuito americano di golf femminile, prende altro tempo. La ripartenza, dopo l'emergenza sanitaria, è prevista non più per il 15 ma per il 23 luglio con il Marathon LPGA Classic, in programma a Sylvania, nell'Ohio, sul percorso dell'Highland Meadows GC. Il coronavirus ha portato infatti l'organizzazione a cancellare anche il Dow Great Lakes Bay Invitational, che tornerà nel calendario 2021 del circuito e si disputerà sempre sul percorso del Midland CC, nel Michigan.