28 gen 2022

golf, il giorno di Rahm

Lo spagnolo Jon Rahm, numero uno al mondo, ha raggiunto la vetta della classifica nel Farmers Insurance Open appaiato a Justin Thomas e Adam Schenk. Perde terreno Molinari

featured image
Jon Rahm

SECONDO GIRO: la seconda giornata del Farmers Insurance Open ha regalato forti emozioni. Il numero uno al mondo Jon Rahm ha attaccato con un giro in 65 colpi (--7) raggiungendo la vetta della classifica. Lo spagnolo, impegnato sul percorso Nord di Torrey Pines, ha completato le 18 buche con otto birdie e un solo errore. Al suo fianco Justin Thomas, numero sei del ranking mondiale, che è risalito di ben 30 posizioni grazie a un giro in 63 colpi. Score senza errori e ben 9 birdie per altrettanti colpi guadagnati al campo. L'eroe della giornata è stato Adam Schenk che ha domato il Torrey Pines North con 62 colpi (-10). Entusiasmanti i nove birdie consecutivi dalla buca 4.

Francesco Molinari ha perso 18 posizioni scendendo al 23° posto. L'azzurro ha iniziato con il piglio giusto e tre birdie nelle prime 6 buche che lo hanno portato al vertice della classifica. Poi, alla buca 7, l'imprecisione con il primo colpo gli è costato un conseguente errore nel colpo al green finito in bunker dal quale, causa una brutta ma difficile uscita e un approccio poco preciso, Molinari ha segnato un doppio bogey. Da quel momento è venuta meno la precisione dal tee, con solo il 42% dei fairway centrati, e ben la metà dei green sbagliati. Due errori nelle buche di rientro, leniti da un birdie, sono costati un giro in stretto par (72 colpi) e lo score rimasto a -6. Nel terzo giro Molinari potrà risalire la china anche se la vittoria, causa i leader forti e lontani nel punteggio, è un'impresa probabilmente non alla portata.

PRIMO GIRO: Francesco Molinari in California parte forte e chiude il primo round del "Farmers Insurance Open" di golf al 5/o posto, con uno score di 66 (-6) al pari di Jon Rahm (numero 1 mondiale), ed è ora distante tre colpi dalla vetta occupata dall'americano Billy Horschel, da solo in testa con 63 (-9). A San Diego, nel torneo del PGA Tour, prova bogey free con sei birdie per Chicco Molinari che sembra essere tornato a giocare su ottimi livelli. Decimo in questo evento nel 2021, l'azzurro è reduce dal sesto posto arrivato la scorsa settimana al 'The American Express' dov'è stato anche (nelle battute finali della competizione) in vetta alla classifica.

"Vincere mi manca", ha detto ieri il torinese all'ANSA.

Tre anni dopo l'ultimo exploit (nel marzo 2019 all'Arnold Palmer Invitational), il 39enne piemontese ha risolto i problemi alla schiena e cambiato metodologia di allenamento (s'è affidato ad un esperto qual è Sandro Donati). Nel suo secondo appuntamento del 2022, è arrivato (dopo 5 giri, quattro al 'The American Express' e uno al 'Farmers') il primo round senza bogey. Al Torrey Pines Golf Club (l'evento si divide sui percorsi North e South, con quest'ultimo che sarà l'unico campo gara del terzo e quarto giro), Horschel ha eguagliato il suo punteggio d'apertura più basso sul circuito realizzando nove birdie, senza bogey. Dietro di lui ecco un altro statunitense, Michael Thompson, secondo con 64 (-8) davanti al connazionale Kevin Tway e al tedesco Stephan Jaeger, terzi con 65 (-7). In 5/a posizione, con Molinari e Rahm (che ha vinto questo torneo nel 2017 e a Torrey Pines lo scorso giugno ha conquistato il primo Major della sua carriera, lo US Open), ecco poi Rickie Fowler e Doug Ghim.

Più indietro gli altri big. Dustin Johnson, Justin Thomas e Xander Schauffele condividono la 31/a posizione (68, -4), mentre Jordan Spieth, Bryson DeChambeau e Brooks Koepka occupano la 53/a piazza (70, -2). Solo 96/i (72, par) Patrick Reed (campione uscente), Hideki Matsuyama e Gary Woodland. Ancora un inizio deludente per Phil Mickelson, solo 141/o (76, +4).

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?