Campo da golf
Campo da golf

TERZO GIRO: Justin Harding, proprio come le scorsa settimana, si è portato al comando dopo il terzo giro. Il percorso di Nairobi e il buon momento di forma hanno permesso al sudafricano di partire nuovamente per le ultime 18 buche dal vertice del leaderboard.

Dopo aver vinto la scorsa settimana il Magical Kenya Open Harding potrà così provare a ottenere la seconda vittoria consecutiva, nel Savannah Classic, sul European Tour in Kenya. Sul percorso del Karen Country Club (par 71) il 35enne di Somerset West ha mantenuto un andamento costante: 64 66 66, gli score dei primi tre giri e -17 il totale. Peraltro partirà con ben tre colpi di vantaggio sugli inseguitori.

A rincorrerlo sei concorrenti: i connazionali Daniel Van Tonder, in vetta dopo due turni, e Darren Fichardt, il norvegese Kristoffer Reitan, il thailandese Jazz Janewattananond, lo scozzese David Drysdale e l’inglese Marcus Armitage. Hanno chances anche i cinque all’ottavo posto con 200 (-13): il sudafricano Louis De Jager, lo scozzese Calum Hill, gli inglesi Ashley Chesters e Sam Horsfield e lo spagnolo Gonzalo Fernandez Castaño, da tempo scomparso dai radar e vincitore di due Open d’Italia (2007-2012).

Sono poco oltre metà classifica i due italiani rimasti in gara dopo il taglio. Nino Bertasio, 39° con -8, è risalito grazie a un giro in 68 colpi, somma di cinque birdie sulle prime dodici buche e due bogey. Ha perso 14 posizioni Lorenzo Scalise, 48° con -7, autore di un giro in 70 colpi frutto di cinque birdie e di quattro bogey.

SECONDO GIRO: Lorenzo Scalise è stato autore di una prestazione super nel secondo giro del Kenya Savannah Classic. L’azzurro ha chiuso in 66 colpi il secondo giro (-5) con un eagle, cinque birdie e due bogey (di cui uno in chiusura, alla buca 18). Così facendo ha guadagnato 32 posizioni risalendo al 34° posto con il totale di -6. Con lui ha tenuto Nino Bertasio, non brillantissimo con 70 colpi. Il lombardo ha raggiunto quota -5 scendendo dal 26° al 49° posto. In compenso giocheranno nel weekend, evento che non succederà per gli altri quattro italiani in gara. Guardando il leaderboard fare risultato oggi non era impossibile. Purtroppo però non ci sono riusciti Francesco Laporta, Lorenzo Gagli, Edoardo Molinari e Guido Migliozzi tutti fuori al taglio.

A Nairobi Daniel van Tonder con un parziale di 64 (-7), grazie a tre eagle, altrettanti birdie e due bogey, ha raggiunto quota -13 portandosi in testa. Nel secondo appuntamento dell’European Tour in scena sempre al Karen Country Club (par 71), sudafricani grandi protagonisti.

Non solo Van Tonder, 30enne di Boksburg con 7 successi sul Sunshine Tour e alla ricerca del primo sul massimo circuito continentale. Justin Harding, campione la scorsa domenica del Kenya Magical Open e leader di questo evento dopo il primo giro (insieme ad altri tre giocatori), è adesso secondo con 130 (-12) al fianco dello scozzese David Drysdale. Mentre Darren Fichardt, altro sudafricano in gara, è 4/o (131, -11) al pari del giapponese Masahiro Kawamura e dello svedese Niklas Lemke.

Tra le sorprese ecco poi l’olandese Darius Van Driel, 7/o con 132 (-10) insieme ad altri 4 giocatori, e autore del miglior score di giornata con un 62 (-9).