Ricardo Gouveira
Ricardo Gouveira

L'Italian Challenge Open si chiude con il successo di Ricardo Gouveia. Dopo quattro giorni spettacolari, al Golf Club Margara (Par 71) di Fubine Monferrato (Alessandria) trionfa il portoghese che si aggiudica il sesto appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, inserito anche nel calendario del Challenge Tour, grazie ad un punteggio di 268 (67 68 69 64, -16) colpi. Gouveia torna alla vittoria sul secondo circuito europeo maschile a distanza di sei anni: per il classe 1991 è il secondo successo in carriera in questo torneo e il quarto in totale. L'Italian Challenge Open si chiamava EMC Golf Challenge Open e, nel 2014, venne vinto proprio da Gouveia quando si giocò sul percorso dell'Olgiata Golf Club (par 71) a Roma. Gli altri due trionfi furono all'Aegean Airlines Challenge Tour e il NBO Golf Classic Grand Final l'anno successivo. Il lusitano incassa un assegno di 48.000 euro a fronte di un montepremi complessivo di 300.000 vincendo dopo aver chiuso il quarto round con un giro bogey free condito da sette birdie, che gli permettono di far registrare il "best" score di giornata da 64 (-7) colpi. Secondo posto per l'austriaco Lukas Nemecz con uno score di 270 (68 67 67 68, -14), terzo l'inglese Andrew Wilson con 272 (71 66 70 65, -12). Rimandato il passaggio sull'Eurotour di Santiago Tarrio: lo spagnolo, leader dell'ordine di merito del Challenge Tour e in testa dopo il "moving day", non è andato oltre la quarta piazza con il punteggio di 273 (-11). Dopo i due successi già centrati nel 2021 (D+D REAL Czech Challenge e Challenge de Espana) il tris lo avrebbe promosso di diritto sul massimo circuito europeo maschile.

Tra gli italiani in gara, il migliore è Giovanni Manzoni. L'amateur azzurro chiude in Top 10, in 9/a posizione, con uno score di 275 (71 68 69 67, -9) colpi. Grazie ad un ultimo giro da sette birdie e due bogey, Lorenzo Scalise (72 69 70 66) recupera 28 posizioni e si piazza al fianco di Jacopo Vecchi Fossa (69 67 69 72) al 14/o posto con 277 (-7). 25/i Filippo Bergamaschi (66 72 71 70) e Luca Cianchetti (71 69 69 70) con 279 (-5). Filippo Celli, altro amateur in gara, è 34/o grazie ad uno score di 280 (70 69 75 66, -4) e risale 26 posizioni grazie ad un ultimo giro bogey free. 38/a piazza per Alessandro Tadini con 281 (70 69 71 71, -3). Gregorio De Leo, anche lui dilettante, chiude 44/o con il punteggio di 282 (71 69 71 71, -2). Edoardo Raffaele Lipparelli 54/o con 286 (72 67 72 75, +2), mentre Edoardo Giletta è 57/o con 287 (70 69 73 75, +3).

"Sin dall'inizio sono partito molto solido - le parole di Ricardo Gouveia al termine del torneo -, ho tenuto sempre il controllo del mio gioco per tutto il round: è fantastico. Il percorso qui al Golf Club Margara era in condizioni meravigliose. Amo l'Italia e tornare a vincere qui a distanza di sette anni dal mio primo successo sul Challenge Tour è una sensazione bellissima".

Giovanni Manzoni ha dichiarato: "Sono molto contento, mi sono divertito tanto e ho giocato veramente bene. Non mi aspettavo di esordire sul Challenge Tour con una Top ten, ma ci alleniamo anche per quello ed è un bel risultato. Ho mantenuto la calma in mezzo ai professionisti anche grazie al mio caddie che mi ha aiutato molto".

Il percorso – Un’eccellenza golfistica immersa nella natura tra colline, vigneti e le Alpi sullo sfondo. In Monferrato, patrimonio mondiale dell’umanità, sorge il Golf Club Margara, costruito nel 1970 e ultimato nel 1972. Due i campi di gara, entrambi di 18 buche. Il primo, “Percorso Glauco Lolli Ghetti” – in memoria del fondatore Glauco Lolli Ghetti, che fu un armatore e dirigente sportivo italiano, nominato Cavaliere del Lavoro nel 1973 -, è circondato da alberi ad alto fusto e permette di giocare tra querce, salici e aceri lungo i larghi fairway che si sviluppano tra le colline del Monferrato. Il secondo, “La Guazzetta”, presenta un’architettura più moderna e alterna buche più tecniche. Il Golf Club Margara è già stato il teatro di gara di ben 21 edizioni del Challenge Tour tra il 1981 e il 2008 e quest’anno ha ospitato pure la 25esima edizione del Ladies Italian Open.