Edoardo Molinari
Edoardo Molinari

SECONDO GIRO: L’australiano Lucas Herbert è il nuovo leader con 131 (66 65, -11) colpi dell’Aberdeen Standard Investments Scottish Open, secondo torneo stagionale delle Rolex Series che ha quale teatro il The Renaissance Club (par 71) di North Berwick in Scozia dove hanno superato il taglio Edoardo Molinari (74 67) e Francesco Laporta (71 70), 53.i con 141 (-1).

Herbert, 24enne di Bendigo, un solo titolo ottenuto a gennaio prima del lockdown (Dubai Desert Classic), ha girato in 65 (-6) colpi con sette birdie e un bogey rimontando dall’ottavo posto, ma non ha potuto prendere un distacco consistente sui tre inglesi che lo braccano, Robert Rock, secondo con 132 (-10), Ian Poulter e Lee Westwood, in vetta dopo un turno, terzi con 133 (-9). Seguono il francese Mike Lorenzo-Vera, quinto con 134 (-8), lo svedese Marcus Kinhult, il finlandese Kalle Samooja e l’olandese Joost Luiten, sesti con 135 (-7). In recupero l’inglese Tommy Fleetwood, 13° con 137 (-5) e uno dei più gettonati nelle previsioni della vigilia, e l’austriaco Bernd Wiesberger, campione in carica, 28° con 139 (-3), entrambi risaliti di undici posizioni.

Francesco Laporta ha segnato 70 (-1) colpi con quattro birdie e tre bogey ed Edoardo Molinari 67 (-4) con cinque birdie e un bogey. Sono usciti al taglio, caduto a 141, gli altri italiani in gara: Guido Migliozzi, 67° con 142 (72 70, par), Renato Paratore (74 71) e Nino Bertasio (75 70), 94.i con 145 (+3), Lorenzo Gagli, 116° con 151 (77 74, +9), e Andrea Pavan, 124° con 157 (81 76, +15). Stessa sorte per il tedesco Martin Kaymer, medesimo score di Migliozzi, e per lo scozzese Paul Lawrie, 118° con 152 (+10), 51enne di Aberdeen, che ha disputato l’ultima gara sul tour dove ha ottenuto otto titoli comprensivi di un major (Open Championship, 1999). Il montepremi è di 7.000.000 milioni di dollari.

L’Aberdeen Standard Investments Scottish Open doveva essere il primo torneo dopo il lockdown con presenza di pubblico, sia pure limitata, ma poi c’è stato il passo indietro a fronte di un’emergenza sanitaria che continua a preoccupare.

Diretta su GOLFTV - L’Aberdeen Standard Investments Scottish Open viene trasmesso in diretta da GOLFTV, piattaforma streaming di Discovery (info www.golf.tv/it). Terza giornata: sabato 3 ottobre, dalle ore 13 alle ore 18,30. Su Eurosport2 ed Eurosport Player: differita dalle ore 22,35 alle ore 0,35

PRIMO GIRO: Lee Westwood, con un gran giro in 62 (-9) colpi, ha preso il comando nell’Aberdeen Standard Investments Scottish Open, secondo torneo stagionale delle Rolex Series che si sta svolgendo al The Renaissance Club (par 71) di North Berwick in Scozia, L’inglese (nella foto), che prima del lockdown si era imposto nell’evento precedente delle Rolex Series (Abu Dhabi Championship), ha segnato due eagle e cinque birdie, senza bogey, ma ha ricavato un solo colpo di vantaggio sullo svedese Alexander Bjork e sull’olandese Joost Luiten (63, -8).

Sono tra media e bassa classifica i sette italiani in gara: Francesco Laporta, 55° con 71 (par), Guido Migliozzi, 72° con 72 (+1), Edoardo Molinari e Renato Paratore, 99.i con 74 (+3), Nino Bertasio, 107° con 75 (+4), Lorenzo Gagli, 117° con 77 (+6), e Andrea Pavan, 128° con 81 (+10).

Buona prova anche dello scozzese Scott Jamieson, quarto con 64 (-7), al quinto posto con 65 (-6) l’inglese Robert Rock, lo scozzese Craig Lee e il finlandese Kalle Samooja e all’ottavo con 66 (-5) lo svedese Marcus Kinhult e gli australiani Lucas Herbert, Wade Ormsby e Min Woo Lee, quest’ultimo fratello di Minjee Lee numero cinque del ranking mondiale femminile. Già importante il ritardo dell’inglese Tommy Fleetwood, 24° con 69 (-2) e dell’austriaco Bernd Wiesberger, 39° con 70 (-1) che difende il titolo, e problemi per il tedesco Martin Kaymer, stesso score di Migliozzi. Il montepremi è di 7.000.000 milioni di dollari.

L’Aberdeen Standard Investments Scottish Open doveva essere il primo torneo dopo il lockdown con presenza di pubblico, sia pure limitata, ma poi c’è stato il passo indietro a fronte di un’emergenza sanitaria che continua a preoccupare.