L'altimetria originale della tappa 16, ma il percorso è stato modificato
L'altimetria originale della tappa 16, ma il percorso è stato modificato

Gorizia, 24 maggio 2021 – Era considerata la tappa regina quella di oggi, la numero 16 del Giro d’Italia 2021. Ma il maltempo ha costretto gli organizzatori a rivedere il percorso, accorciandolo e privandolo di Fedaia e Pordoi, montagne storiche della corsa rosa. Resta il Giau su cui sarà sicuramente battaglia.  Lo Zoncolan ha impartito i primi valori concreti e conclamati, con Egan Bernal uomo da battere, Yates primo sfidante, Caruso in lotta per il podio ma Remco Evenepoel e Vincenzo Nibali in crisi. 

Giro d'Italia 2021 tappa 18: percorso, altimetria, orari tv e favoriti

Giro d'Italia 2021 tappa 17: percorso, orari tv, altimetria e favoriti

Giro d'Italia 2021: classifica e risultati dopo la tappa 16. Bernal da padrone

Giro d'Italia 2021: cambia la tappa di oggi. Nuovo percorso e altimetria

Sommario

Tappa 15: vince Campenaerts- La classifica

Nizzolo si ritira: "Troppa fatica in montagna"

Percorso

La tappa di oggi era pensata per i giganti della montagna, con tre passi storici e imponenti da scalare. Non doveva esserci pianura nei 212 chilometri da Sacile a Cortina d’Ampezzo, con 4 Gpm e arrivo in picchiata nella nota località sciistica. Dopo la partenza si scala subito il Crosetta, che resta nel percorso, con vetta al chilometro 25, e potrebbe servrire più che altro per dare vita a una fuga. Quindi si saltano sia il Passo Fedaia, 14 chilometri al 7.6% di pendenza media e massime del 18%, sia il Passo Pordoi (altri 12 chilometri al 7% con massime del 10%). Vetta a 2239 metri. Entrambi cancellati a causa del rischio meteorologico. Si passa così direttamente al Giau, spauracchio di giornata: una salita dura di 10 chilometri con pendenza media del 9.3% e massime del 14%. La vetta sarà a 2233 metri e mancheranno 18 chilometri a Cortina d’Ampezzo, praticamente tutti in discesa prima degli ultimi 500 metri finali in leggera salita sul pavè. La tappa misura così 152,2 chilometri e non 212. Il dislivello scende da oltre 5.600 metri a 3.613.

La nuova altimetria

La nuova altimetria della tappa 16

Favoriti

I tapponi dolomitici si prestano anche a lunghe fughe da lontano, e stavolta toccherà agli scalatori. Potrebbero tentare Mikel Nieve, Matteo Fabbro, Sebastien Reichenbach, Valerio Conti e Gorza Izaguirre. In corsa Vincenzo Nibali, al via nonostante la caduta e la botta al costato rimediata ieri. Ma sarà dura vederlo nelle posizioni che contano, anche se lo sconfinato orgoglio del siciliano non può far escludere colpi di scena. Nella lotta alla generale si proverà ad attaccare Bernal e il più temibile rivale appare Simon Yates. Ciccone e Caruso le carte italiane. 

Orari e in tv

Partenza da Sacile alle 11:20, Gpm di La Crosetta attorno alle 12.30, inizio del Giau tra le 15 e le 15:30, vetta tra le 15:40 e le 16:10, arrivo a Cortina tra le 16:10 e le 16:40.

Diretta Raisport Hd, canale 57 del digitale, dalle 9.50 con Villaggio di Partenza e Prima Diretta, passaggio su Rai Due dalle 14. In streaming su Rai Play. Live su Eurosport 1, canale 210 di Sky, dalle 10.45, in streaming su Eurosport Player e Dazn.

Leggi anche - Fortunato e Tomba, terra di campioni