Osimo, 16 maggio 2018 – Giro d’Italia 2018 nel segno di Simon Yates. Il britannico ha staccato tutti sul muro finale di Osimo guadagnando ancora terreno su Dumoulin, secondo nella tappa 11, ma soprattutto su Aru e Froome staccati di 21 e 40 secondi. Pozzovivo quinto.

Giro d'Italia 2018, classifica e risultati dopo la tappa 12

 

Giro d'Italia 2018, bis di Bennett a Imola. L'ordine d'arrivo

Giro d'Italia 2018, tappa 11: le pagelle di Angelo Costa

VIA ALLA FUGA – Andature subito elevate nella breve tappa odierna, tutti cercano di fuggire. Dopo 20 chilometri la fuga fatica a prendere piede, ci provano un po’ tutti ma non riesce il tentativo definitivo. A 119 dal traguardo riescono invece a partire Luis Leon Sanchez e De Marchi, stavolta il gruppo sembra lasciar fare: all’inseguimento si getta Masnada che dopo 7 chilometri rientra. I tre scollinano sul primo Gpm con un minuto su Maestri e Turrin all’inseguimento, gruppo maglia rosa a 3 minuti. Pochi chilometri dopo i due inseguitori rientrano e i fuggitivi diventano cinque. Il vantaggio massimo arriva a tre minuti, ma il gruppo decide di reagire con la Lotto che si mette in testa a tirare tenendo stabile il divario. Sul valico di Pietra Rossa passa primo Masnada, il gruppo insegue a circa tre minuti sempre tirato dalla Lotto con l’aggiunta della Trek Segafredo. Verso il traguardo volante di Filottrano, in onore di Michele Scarponi, il plotone aumenta il ritmo e riduce il gap a due minuti. La fuga sembra aver destino segnato. Sul muro di Filottrano Maestri e Turrin si staccano, Luis Leon Sanchez passa per primo onorando l’amico scomparso mentre il gruppo transita a 1’47”. Con l’avvicinarsi a Osimo le squadre in testa al plotone accelerano e riducono ulteriormente il vantaggio in vista dell’ultimo muro sull’arrivo. La fuga non ha scampo.

PRIMA STYBAR, POI YATES - Ultimi 15 chilometri pieni di strappi, il gruppo si riduce a 40 unità ma prosegue la rincorsa verso i fuggitivi che rimangono con 40 secondi di vantaggio a 10 dalla fine. Sul primo strappo di Via del Corso viene ripresa la fuga e immediatamente parte Stybar con Wellens a ruota, mancano 5 chilometri al traguardo. Nel gruppo la Mitchelton Scott comanda per portare Yates a vincere la seconda tappa e riprende i due. Nel finale la maglia rosa attacca sulle prime rampe del muro che porta all'arrivo con Pozzovivo e Dumoulin che reagiscono, mentre Froome perde subito contatto. Ma Yates è inarrestabile, non riescono a prenderlo nonostante l’olandese ci provi fino alla fine: arriva un altro splendido trionfo per il britannico che vince la seconda tappa in questo Giro e consolida il vantaggio in classifica grazie anche agli abbuoni. Secondo è Dumoulin, poi Formolo. Perde qualche secondo Pozzovivo che arriva quinto a 8”, Aru arriva a 22”, Froome a 40”. Per il momento il Giro è di Simon Yates.

Tappa 1

Classifica dell'undicesima tappa
1 Yates 3h25’53”
2 Dumoulin a 2”
3 Formolo a 5”
4 Geniez a 8”
5 Pozzovivo a 8”
6 Konrad a 8”
7 Pinot a 8”
8 Schachmann a 11”
9 Dennis a 18”
10 Aru a 21”

Classifica generale
1 Yates 47h8’21”
2 Dumoulin a 47”
3 Pinot a 1’04”
4 Pozzovivo a 1’18”
5 Carapaz a 1’56”
6 Bennett a 2’09”
7 Dennis a 2’36
8 Bilbao a 2’54”
9 Konrad a 2’55”
10 Aru 3’10”