Altri Sport

Italia show agli europei di nuoto: Paltrinieri, Scozzoli, Cusinato d'argento. Tre secondi posti preziosissimi, a cui si aggiunge il bronzo a sorpresa di Matteo Restivo nei 200 dorso. A dar forza a una giornata a tinte azzurre anche l'argento di Noemi Batki dalla piscina dei tuffi, specialità dieci metri, e il bronzo con cui Rachele Bruni nella 5 km ha inaugurato la rassegna delle acque libere. Il Greg nazionale, nonostante i problemi intestinali che avevano già in parte compromesso la resa sui 1500 (conclusi con il bronzo), è andato a prendersi negli 800 stile un secondo posto in 7:45.12 di tutto rispetto, fatto di cuore e coraggio alle spalle dell'ucraino-rivale Mykhaylo Romanchuk, oro in 7:42.96. "Più di così non potevo proprio, scoccia non vincere ma con gli altri ci rivedremo il prossimo anno", dice il campione. Fabio Scozzoli a 30 anni appena compiuti va a prendersi un argento nei 50 rana da vero numero uno: davanti all'azzurro solo il 'marziano' Adam Peaty. "Sono il primo tra gli umani... - scherza Scozzoli - Il tempo è buono, è stata la stagione del mio ritorno a certi livelli. Volevo questa medaglia, sono felice". A chiudere il tris Ilaria Cusinato: un fastidio alla spalla non ha fermato la 19enne di Cittadella che si regala una doppietta d'argento salendo sul podio dopo i 400 misti anche nei 200 con il tempo da record italiano di 2'10''25. Meglio di lei solo Katinka Hosszu oro in 2'10''17. "Peccato perché negli ultimi metri mi è mancata un po' di brillantezza - dice la Cusinato -. Il dolore alla spalla non ha compromesso nulla, in gara non ho accusato nulla. Sono strafelice per l'argento nei 200 misti perché non erano proprio la mia prova, non pensavo di giocarmela addirittura per l'oro". La medaglia che non ti aspetti invece è di bronzo e finisce al collo di Matteo Restivo: 200 dorso super. "Non è una sorpresa per me - ci tiene però a dire l'azzurro - Non voglio peccare di presunzione ma in questi mesi ho lavorato tanto per arrivare a questo risultato. A me dispiace di non essere in grado di mantenere questi livelli tutto l'anno, purtroppo con i carichi di lavoro e l'università spesso non ce la faccio". A dare peso al medagliere il bronzo nel fondo che non delude mai: al Loch Lomond, con acqua  a 17 gradi nella 5 km Rachele Bruni si conferma una certezza. E ci riproverà anche sulla distanza olimpica dei 10. E anche nella piscina dei tuffi l'Italia si mette in mostra: Noemi Batki dalla piattaforma di Edimburgo conquista l'argento. "Sono rinata - dice tra le lacrime - questa medaglia non è un punto di arrivo ma di partenza. Un nuovo inizio". Quattro argenti e due bronzi, l'Italia può solo fare festa.

Sport Tech Benessere Moda Magazine