23 dic 2021

Fisi, i contributi restano gli stessi, Roda attacca: "Non c'è meritocrazia"

La Federazione Italiana Sport Invernali riceverà gli stessi importi del 2021 nonostante un aumentano complessivo per le federazioni

Flavio Roda
Flavio Roda

Roma, 23 dicembre 2021 - Fisi sul piede di guerra in relazione ai contributi per le federazioni per l'anno 2022. Sport e Salute ha reso note le cifre alle varie federazioni e, nonostante un aumento generale salito a 288 milioni, la quota per gli sport invernali è rimasta invariata. Il presidente federale Flavio Roda ha immediatamente criticato la situazione parlando di mancata meritocrazia visti i successi azzurri sulla neve.

Roda: "Manca il merito"

La Federazione Italiana Sport Invernali eroga fondi a tutti i livelli, partendo dall'attività dei piccoli per arrivare ai massimi vertici dello sport invernale, per questo motivo Roda è decisamente critico: “Questa volta non posso accettare che la FISI venga penalizzata – ha commentato il Presidente ai canali ufficiali - Se i contributi complessivi aumentano, ma a noi viene attribuita la stessa cifra dello scorso anno, significa che in percentuale ci vengono dati meno soldi. Faccio davvero fatica a capire il criterio”. Poi l'affondo sulla meritocrazia: “Noi sosteniamo tutta l’attività, da quella dei piccoli all’alto livello – ha proseguito Roda - Usciamo da un anno drammatico a causa della pandemia, che ha richiesto esborsi maggiori per mantenere tutti in sicurezza. Siamo nell'anno olimpico, abbiamo i portabandiera di Pechino che testimoniano i nostri successi. Si continua a parlare di meritocrazia, ma guardando alla distribuzione dei contributi mi pare che i criteri siano altri”.

Leggi anche - Noel salta l'ultima porta, vince Solevaag a Campiglio

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?