Gianmarco Tamberi (Ansa)
Gianmarco Tamberi (Ansa)

Torun (Polonia), 7 marzo 2021 - Dopo l'oro nei 60 metri conquistato ieri da Marcell Jacobs, arriva la seconda medaglia per la Nazionale azzurra agli Europei indoor di atletica, in corso di svolgimento a Torun, in Polonia. Gianmarco Tamberi chiude infatti al secondo posto la finale del salto in alto, rendendosi protagonista con Maksim Nedasekau di un duello mozzafiato. Mentre il marchigiano non riesce a superare quota 2,37, fermandosi a 2,35, il bielorusso ce la fa proprio all'ultimo tentativo a disposizione, aggiudicandosi così la vittoria. Per Tamberi si tratta del quarto podio in carriera fra Mondiali ed Europei (oro iridato al coperto a Portland nel 2016, oro continentale indoor a Glasgow nel 2019 e oro europeo all'aperto - sempre nel 2016 - ad Amsterdam). 

La gara

 

Tamberi decide di entrare in gara dopo tutti gli altri, a quota 2,23. Una scelta che si rivela azzeccata, perché il classe '92 non commette alcun errore da da 2,23 a 2,29 a differenza di Nedasekau, che sbaglia un salto sia a 2,23 che a 2,29. A quel punto, con il belga Thomas Carmoy sicuro del bronzo, restano a giocarsi l'oro solo loro due. Entrambi sono perfetti a 2,31, mentre a 2,33 è l'italiano a macchiare la propria prova. L'avversario centra la misura al primo tentativo, Tamberi al secondo. Ma a 2,35 la musica cambia, perché se il bielorusso fallisce i primi due salti, "Gimbo" supera l'ostacolo alla seconda prova, pareggiando il proprio primato stagionale. Sembra fatta e invece Nedasekau piazza il colpaccio, issandosi fino a 2,37 all'ultimo tentativo a disposizione. L'azzurro tenta la replica, ma non ha fortuna e deve accontentarsi dell'argento. 

Leggi anche: Coppa del mondo sci, Odermatt vince il Super-G a Saalbach