Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
7 mar 2021

Europei atletica indoor: Tamberi d'argento, vola fino a 2.35

Non basta al marchigiano pareggiare il proprio primato stagionale per aggiudicarsi l'oro. Il bielorusso Nedasekau lo batte all'ultimo respiro, saltando 2,37 

7 mar 2021
francesco bocchini
Sport
Silver medalist Italy's Gianmarco Tamberi celebrates after the men's high jump final at the 2021 European Athletics Indoor Championships in Torun on March 7, 2021. (Photo by ANDREJ ISAKOVIC / AFP)
Gianmarco Tamberi (Ansa)
Silver medalist Italy's Gianmarco Tamberi celebrates after the men's high jump final at the 2021 European Athletics Indoor Championships in Torun on March 7, 2021. (Photo by ANDREJ ISAKOVIC / AFP)
Gianmarco Tamberi (Ansa)

Torun (Polonia), 7 marzo 2021 - Dopo l'oro nei 60 metri conquistato ieri da Marcell Jacobs, arriva la seconda medaglia per la Nazionale azzurra agli Europei indoor di atletica, in corso di svolgimento a Torun, in Polonia. Gianmarco Tamberi chiude infatti al secondo posto la finale del salto in alto, rendendosi protagonista con Maksim Nedasekau di un duello mozzafiato. Mentre il marchigiano non riesce a superare quota 2,37, fermandosi a 2,35, il bielorusso ce la fa proprio all'ultimo tentativo a disposizione, aggiudicandosi così la vittoria. Per Tamberi si tratta del quarto podio in carriera fra Mondiali ed Europei (oro iridato al coperto a Portland nel 2016, oro continentale indoor a Glasgow nel 2019 e oro europeo all'aperto - sempre nel 2016 - ad Amsterdam). 

La gara

 

Tamberi decide di entrare in gara dopo tutti gli altri, a quota 2,23. Una scelta che si rivela azzeccata, perché il classe '92 non commette alcun errore da da 2,23 a 2,29 a differenza di Nedasekau, che sbaglia un salto sia a 2,23 che a 2,29. A quel punto, con il belga Thomas Carmoy sicuro del bronzo, restano a giocarsi l'oro solo loro due. Entrambi sono perfetti a 2,31, mentre a 2,33 è l'italiano a macchiare la propria prova. L'avversario centra la misura al primo tentativo, Tamberi al secondo. Ma a 2,35 la musica cambia, perché se il bielorusso fallisce i primi due salti, "Gimbo" supera l'ostacolo alla seconda prova, pareggiando il proprio primato stagionale. Sembra fatta e invece Nedasekau piazza il colpaccio, issandosi fino a 2,37 all'ultimo tentativo a disposizione. L'azzurro tenta la replica, ma non ha fortuna e deve accontentarsi dell'argento. 

Leggi anche: Coppa del mondo sci, Odermatt vince il Super-G a Saalbach

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?