Stefan Denifl
Stefan Denifl

Bologna, 12 gennaio 2021 – E’ finito con una condanna il processo per Stefan Denifl per il suo coinvolgimento nell’Operazione Aderlass. Il ciclista austriaco è stato condannato a due anni di carcere dal tribunale di Innsbruck inseguito all’inchiesta volta a smascherare pratiche illecite nell’alterazione della pratica sportiva, non solo nel mondo delle due ruote. Il corridore era già stato squalificato per quattro anni.

Il trentaduenne si è visto cancellare tutti i risultati ottenuti tra il 2014 e il 2019 in seguito al suo coinvolgimento, e lui stesso ad inizio processo aveva ammesso l’utilizzo di pratiche vietate. Si parla di doping ematico per mantenere un livello di rendimento che non sarebbe stato in grado di mantenere: “Non sono un criminale – aveva affermato in udienza – Volevo raggiungere il mio vecchio livello ma senza doping non avrei potuto farlo e non sarei riuscito ad ottenere un contratto”.

Leggi anche - Ciclismo, Hondo confessa: "Io e Petacchi dopati assieme"